Passa ai contenuti principali

Torcetti al burro by Teresa Insero



Di tante ricette create, in assoluto questa, è quella che mi ha procurato più gioia, perchè ho ritrovato un sapore perduto. Fateli una sola volta, e non li lascerete mai più.

Vi capita mai di collegare un ricordo con un sapore, basta assaggiare un biscotto, per aprire una finestra sul passato. Una mattina assaggiando, (si dice sempre assaggiando ma solitamente si gusta abbondantemente) le pastarelle da inzuppo (vi devo postare anche quelle, d'inverno sono una coccola infinita, sanno di casa, di mamma, di coccole) mi sono ricordata dei biscottini al burro, che amavo da bambina, ho cercato per anni la ricetta, ma non ne ho mai trovata una valida. E allora quella mattina di buona lena, ho preparato varie ciotole e in piccolissime quantità, ho provato ad aggiungere gli ingredienti secondo una mia idea, ho cotto i vari prodotti e ho scelto l'impasto che secondo me meglio rappresenta un buon tarallo al burro. Ecco la ricetta, mi raccomando non cambiate le dosi neppure di un grammo, perchè sono state studiate (prima di aggiungere ho pesato ogni elemento con cura).
INGREDIENTI per 17 torcetti al burro:
  • 300 g farina mulino bianco (non è uno sponsor, ma ha un mix di farina e amido ideale, METTO FOTO)
  • 17 g miele mille fiori grezzo
  • 22 g di zucchero semolato Zefiro
  • 50 g di vino bianco
  • 40 g acqua
  • 8 g di lievito per dolci
  • 22 g di strutto freddo
  • 95 g burro di sola panna di centrifuga(vi metto la foto, prendete lo stesso così siamo sicuri di avere lo stesso risultato, fornitore MD)
Finitura:
  • zucchero di canna
  • zucchero semolato
Procedimento:
  1. Impastare con il gancio a scudo, il burro, lo strutto, il miele, lo zucchero semolato
  2. Setacciare la farina con il lievito
  3. Unire il vino con l'acqua e mescolare
  4. alternare i liquidi con la farina
  5. unire bene tutti gli ingredienti
  6. formare un filone su un piano
  7. dividerlo in tanti tocchetti uguali
  8. formare dei filoncini e i relativi taralli 
  9. avvolgerli prima nello zucchero di canna e infine in quello semolato (non è necessario bagnarli)
  10. sistemarli su di una placca con carta forno
  11. farli riposare in frigo per 1 ora
  12. cuocere per 15 minuti a 180° C
  13. terminare la cottura a 160° C per 20 minuti.




Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Macaron

I Macaron un nome buffo che ha origine dai suoi creatori, maccheroni, Italia. Molti erroneamente pensano che siano francesi, e invece no, fu Caterina Dei Medici a far conoscere questa bontà ai francesi, che ne migliorarono l'aspetto, e ne fecero una vera e propria moda.
Si contano centinaia di volumi che trattano delle tecniche per realizzarli a doc, io stessa ne ho collezionato un po', ne posseggo uno che parla esclusivamente degli errori che si possono commettere nel farli.......alla fine ho capito che sono loro a scegliere se venire bene o male :D noi li possiamo solo corteggiare morbosamente :D. Ovviamente scherzo basta conoscere bene le proprie attrezzature e procedere con cura e precisione.
ecco la ricetta tratta dal volume Macaron Una tentazione irresistibile:

Per circa 40 macaron:
200 g di  mandorle o altra frutta secca 20 g di cacao 200 g di zucchero a velo (non fatelo voi in casa)50 g di acqua200 g di zucchero semolato2x75 g di albumi a temperatura ambiente. (Hermé …

Le Cammille

Le camille sono tanto caruccie, e buone,  ma basta sbagliare un ingrediente per avere un macigno papposoe appicicaticcio, dopo due giorni di esperimenti finalmente è nata "la camilla"

Crostata di frolla alla confettura di albicocche

Chiamarla frolla è riduttivo, ma questo è il nome che il Maestro Massari da a questa torta,e allora io devo dire che non ho mai veramente mangiato una frolla prima di questa ricetta. Pur avendola cotta bene, pur essendo friabile è una nuvola che si scioglie in bocca, grazie Maestro per queste sue opere che ci dona con infinità generosità.