Passa ai contenuti principali

Torcetti al burro by Teresa Insero



Di tante ricette create, in assoluto questa, è quella che mi ha procurato più gioia, perchè ho ritrovato un sapore perduto. Fateli una sola volta, e non li lascerete mai più.

Vi capita mai di collegare un ricordo con un sapore, basta assaggiare un biscotto, per aprire una finestra sul passato. Una mattina assaggiando, (si dice sempre assaggiando ma solitamente si gusta abbondantemente) le pastarelle da inzuppo (vi devo postare anche quelle, d'inverno sono una coccola infinita, sanno di casa, di mamma, di coccole) mi sono ricordata dei biscottini al burro, che amavo da bambina, ho cercato per anni la ricetta, ma non ne ho mai trovata una valida. E allora quella mattina di buona lena, ho preparato varie ciotole e in piccolissime quantità, ho provato ad aggiungere gli ingredienti secondo una mia idea, ho cotto i vari prodotti e ho scelto l'impasto che secondo me meglio rappresenta un buon tarallo al burro. Ecco la ricetta, mi raccomando non cambiate le dosi neppure di un grammo, perchè sono state studiate (prima di aggiungere ho pesato ogni elemento con cura).
INGREDIENTI per 17 torcetti al burro:
  • 300 g farina mulino bianco (non è uno sponsor, ma ha un mix di farina e amido ideale, METTO FOTO)
  • 17 g miele mille fiori grezzo
  • 22 g di zucchero semolato Zefiro
  • 50 g di vino bianco
  • 40 g acqua
  • 8 g di lievito per dolci
  • 22 g di strutto freddo
  • 95 g burro di sola panna di centrifuga(vi metto la foto, prendete lo stesso così siamo sicuri di avere lo stesso risultato, fornitore MD)
Finitura:
  • zucchero di canna
  • zucchero semolato
Procedimento:
  1. Impastare con il gancio a scudo, il burro, lo strutto, il miele, lo zucchero semolato
  2. Setacciare la farina con il lievito
  3. Unire il vino con l'acqua e mescolare
  4. alternare i liquidi con la farina
  5. unire bene tutti gli ingredienti
  6. formare un filone su un piano
  7. dividerlo in tanti tocchetti uguali
  8. formare dei filoncini e i relativi taralli 
  9. avvolgerli prima nello zucchero di canna e infine in quello semolato (non è necessario bagnarli)
  10. sistemarli su di una placca con carta forno
  11. farli riposare in frigo per 1 ora
  12. cuocere per 15 minuti a 180° C
  13. terminare la cottura a 160° C per 20 minuti.




Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sofficini fatti in casa

Facili, veloci buonissimi!!



PER 20 SOFFICINI

Ingeredienti sfoglia:
300 g di farina debole
 latte q.b

Panatura:
6 uova intere
pan grattato
sale, pepe q.b.

Farcia:
500 g ricotta
sale
pepe
prosciutto cotto
mozzarella fatta asciugare in frigo

Farcia rossa:
500 g di ragù congelato
200 g mozzarella asciugata in frigo.

Procedimento:
Impastare velocemente farina e latte formando un impasto elestico.


Stendere delle sfoglie sottilissime, e riporvi la farcia desiderata.




Il ragù deve essere congelato, altrimenti sarà impossibile gestire il sofficino.

Una volta farciti, tenerli in congelatore almeno 2 ore.



Impanarli con uova sbattute, sale, pepe, e pan grattato.

Friggere in olio bollente.
Possono essere fatti molte ore prima e poi riscaldati in forno.

Crostata di frolla alla confettura di albicocche

Chiamarla frolla è riduttivo, ma questo è il nome che il Maestro Massari da a questa torta,e allora io devo dire che non ho mai veramente mangiato una frolla prima di questa ricetta. Pur avendola cotta bene, pur essendo friabile è una nuvola che si scioglie in bocca, grazie Maestro per queste sue opere che ci dona con infinità generosità.

Ravioli ricotta e melanzane

Si capisce che fare la pasta mi piace????

Credo di si :D ! Sono più di 25 anni che faccio pasta in casa un grande amore!
Mi rilassa tanto...... è una cosa semplice e facile

Sapete quanto costa qui un 1kg di ravioli freschi passabili?
12 euro o_° so tanti!

Se li facciamo in casa usando prodotti buoni e freschi spendiamo max 6 euro, e mangiamo un piatto ottimo.
Sull’origine delle paste alimentari si conosce ben poco, proprio questa incertezza ha dato vita a svariate leggende.
Alcuni archeologi credono di scorgere sulle pitture murali etrusche i gesti e gli utensili di chi sta preparando della pasta fresca, tipo lasagne o tagliatelle.
In epoca immediatamente successiva, invece, questo prodotto viene completamente dimenticato, per poi fare la sua ricomparsa in Cina nel I secolo d. C.
La forma della pasta è sostanzialmente l’espressione delle fantasie locali, il sapore è nato da infinite creazioni casalinghe, dall’impegno di ogni giorno applicato a quanto la terra aveva e ha da offrire: le verdu…