Passa ai contenuti principali

Cupcake Oreo


Certe cose le dovrebbero vietare!!!!(speriamo che Papi non li veda)…….ma detto fra di noi sono una goduria allo stato puro. Sfido chiunque a resistere!

Il Video 


INGREDIENTI per 12 cupcake
  • 120 g di farina 00 W 160 (io in questo caso mulino bianco)
  • 50 g polvere di cacao
  • 1 cucchiaino raso di lievito in polvere per dolci
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • Un pizzico di sale
  • 2 uova
  • 120 g zucchero (di cui 80 g di zucchero semolato e 40 g di zucchero integrale grezzo di canna)
  • 50 g olio evo fruttato
  • 170 g di yogurt bianco intero
  • estratto di vaniglia
  • 150 g di cioccolato fondente 60% 

Procedimento:
  • Preriscaldare il forno a 180°C
  • Montare le uova con gli zuccheri e l'estratto di vaniglia .
  • Aggiungere lo yogurt, l'olio e mescolare
  • Incorporare il cioccolato fuso e intiepidito (il cioccolato deve essere sempre fuso dolcemente, altrimenti perde  le sue proprietà organolettiche)
  • Con il gancio a foglia, aggiungere la farina setacciata con il cacao i lieviti e il sale.
  • Disporre nella teglia con i pirottini un biscotto Oreo 
  • Versare l'impasto in ogni pirottino
  • Cuocere per circa 13 minuti.
 Frosting al cioccolato:
  • 500 g di panna fresca 35% di m.g.
  • 4 g di gelatina in fogli
  • 140 g di biscotti oreo
  • 30 g di latte
  • due cucchiai di zucchero a velo (non utilizzate quello fatto in case, serve quello commerciale perché la presenza di amidi in esso fa stabilizzare la panna)

Procedimento seguite le indicazioni con cura altrimenti la panna impazzirà:
  • Mettere la panna fresca in congelatore per 20 minuti
  • tagliare in piccoli quadratini due fogli di gelatina
  • immergerli in poca acqua fretta e farla idratare per 15 minuti
  • tritare finemente i biscotti oreo (è un lavoro da fare con cura, pezzi troppo grandi potrebbero intasare il beccuccio, in lavorazione)
  • riscaldare il latte (non immergere la gelatina nel latte bollente o perderà le sue proprietà)
  • dopo aver strizzato la gelatina scioglierla bene nel latte, filtrare
  • montare la panna aggiungendo a pioggia lo zucchero
  • quando la panna sarà quasi del tutto montata aggiungere a filo molto lentamente il latte tiepido con la gelatina (la gelatina deve essere filtrata per evitare la formazione di filamenti di gelatina non sciolta)
  • aggiungere i biscotti tritati e montare leggermente.
Decorare i cupcake e conservare in frigo.





Commenti

Post popolari in questo blog

Sofficini fatti in casa

Facili, veloci buonissimi!!



PER 20 SOFFICINI

Ingeredienti sfoglia:
300 g di farina debole
 latte q.b

Panatura:
6 uova intere
pan grattato
sale, pepe q.b.

Farcia:
500 g ricotta
sale
pepe
prosciutto cotto
mozzarella fatta asciugare in frigo

Farcia rossa:
500 g di ragù congelato
200 g mozzarella asciugata in frigo.

Procedimento:
Impastare velocemente farina e latte formando un impasto elestico.


Stendere delle sfoglie sottilissime, e riporvi la farcia desiderata.




Il ragù deve essere congelato, altrimenti sarà impossibile gestire il sofficino.

Una volta farciti, tenerli in congelatore almeno 2 ore.



Impanarli con uova sbattute, sale, pepe, e pan grattato.

Friggere in olio bollente.
Possono essere fatti molte ore prima e poi riscaldati in forno.

Crostata di frolla alla confettura di albicocche

Chiamarla frolla è riduttivo, ma questo è il nome che il Maestro Massari da a questa torta,e allora io devo dire che non ho mai veramente mangiato una frolla prima di questa ricetta. Pur avendola cotta bene, pur essendo friabile è una nuvola che si scioglie in bocca, grazie Maestro per queste sue opere che ci dona con infinità generosità.

Ravioli ricotta e melanzane

Si capisce che fare la pasta mi piace????

Credo di si :D ! Sono più di 25 anni che faccio pasta in casa un grande amore!
Mi rilassa tanto...... è una cosa semplice e facile

Sapete quanto costa qui un 1kg di ravioli freschi passabili?
12 euro o_° so tanti!

Se li facciamo in casa usando prodotti buoni e freschi spendiamo max 6 euro, e mangiamo un piatto ottimo.
Sull’origine delle paste alimentari si conosce ben poco, proprio questa incertezza ha dato vita a svariate leggende.
Alcuni archeologi credono di scorgere sulle pitture murali etrusche i gesti e gli utensili di chi sta preparando della pasta fresca, tipo lasagne o tagliatelle.
In epoca immediatamente successiva, invece, questo prodotto viene completamente dimenticato, per poi fare la sua ricomparsa in Cina nel I secolo d. C.
La forma della pasta è sostanzialmente l’espressione delle fantasie locali, il sapore è nato da infinite creazioni casalinghe, dall’impegno di ogni giorno applicato a quanto la terra aveva e ha da offrire: le verdu…