Passa ai contenuti principali

Panini all'olio


Sono dei panini veloci a impasto diretto, fatti per chi ha pochissimo tempo ma non rinuncia alla panificazione.


Gli ingredienti sono simili ai panini da buffet, varia molto l'impasto che è diretto.

540 g di farina 00 W350
280 di acqua  a 38 ° C
10 g di lievito di birra
10 g di sale
15 di miele
50 g di olio di oliva evo fruttato
50 g di uova (1 uovo)

Per spennellare:
30 g di albume pastorizzato e 20 g di latte

Procedimento
  1. Riscaldare l'acqua a 38° C immergere il lievito e il miele e attendere 10 minuti.
  2. Se si ha la macchina nel pane, versare nel cestello e azionare il programma solo impasto.
  3. Aggiungere un po' di farina e poi l'uovo.
  4. Aggiungere tutta la farina con il sale, e a filo l'olio.
  5. Lasciamo lavorare la macchina per circa 30 minuti, quando si ferma per far lievitare il prodotto, spegniamo la macchina del pane, e preleviamo l'impasto prima che inizi a lievitare.
  6. L'impasto dovrà essere morbido ma lavorabile.
  7. Formiamo un rotolo, e dividiamolo in 15 pezzetti.
  8. Pirliamo ogni pezzetto di impasto, dopo averlo steso e arrotolato su se stesso, e posizioniamolo in una teglia foderata di carta forno.
  9.  Poniamo la teglia nel forno spento.
  10. In un pentolino di metallo a fondo spesso, facciamo bollire 400 g di acqua, poniamo il pentolino con l'acqua bollente nel forno, sul piano in basso, di lato alla teglia, non sotto.
  11. Dopo circa 50/60 minuti i nostri panini saranno lievitati  più del doppio.
  12. Senza togliere i panini dal forno, nè l'acqua,  accendiamo il forno a 170°C.
  13. Quando i panini stanno per dorarsi, aprire il forno e spennellare la superficie, con un pennello imbevuto di albume e latte.
  14. Proseguire la cottura, senza allontanarsi.
  15. Fare raffreddare i panini su di una gratella.
I panini così fatti possono essere congelati, tranquillamente, e non è vitale riscaldarli quando ne escono. Basta solamente aspettare il tempo che ritornino a temperatura ambiente.
Farciteli tagliandoli da gelati, se li mettete in cartella ai vostri figlioli,  arriveranno all'ora di pranzo pronti all'uso. Mia figlia da piccola,  non tollerava conservanti né il carico di alcuni alimenti, e questi panini mi sono stati molto utili........


Commenti

Post popolari in questo blog

Le Cammille

Le camille sono tanto caruccie, e buone,  ma basta sbagliare un ingrediente per avere un macigno papposoe appicicaticcio, dopo due giorni di esperimenti finalmente è nata "la camilla"

Pasticcini di frolla montata by Teresa Insero

I miei pasticcini di frolla montata. Avvertenze: creano grave dipendenza 😜! Sono super veloci e facili, ma ci fate un figurone! Nella ricetta vi scrivo qualche trucco per non far perdere la forma, e soprattutto per evitare quel sapore un po' eccessivo di burro .

Macaron

I Macaron un nome buffo che ha origine dai suoi creatori, maccheroni, Italia. Molti erroneamente pensano che siano francesi, e invece no, fu Caterina Dei Medici a far conoscere questa bontà ai francesi, che ne migliorarono l'aspetto, e ne fecero una vera e propria moda.
Si contano centinaia di volumi che trattano delle tecniche per realizzarli a doc, io stessa ne ho collezionato un po', ne posseggo uno che parla esclusivamente degli errori che si possono commettere nel farli.......alla fine ho capito che sono loro a scegliere se venire bene o male :D noi li possiamo solo corteggiare morbosamente :D. Ovviamente scherzo basta conoscere bene le proprie attrezzature e procedere con cura e precisione.
ecco la ricetta tratta dal volume Macaron Una tentazione irresistibile:

Per circa 40 macaron:
200 g di  mandorle o altra frutta secca 20 g di cacao 200 g di zucchero a velo (non fatelo voi in casa)50 g di acqua200 g di zucchero semolato2x75 g di albumi a temperatura ambiente. (Hermé …