Passa ai contenuti principali

Paste da latte



Ecco la ricetta della paste da latte, con quella leggerezza unica, data da un lievito poco amato ma dalle eccezionali doti, è l’unico lievito che dopo la cottura scompare completamente e dona al preparato una consistenza unica!! Il bicarbonato d’ammonio.



edit:
 vi metto delle varianti che si possono fare:
  1. in alto la prima foto e la secondasono realizzati con il lievito bicarbonato d'ammonio secondo la ricetta, anticamente la forma era a tarallo, poi a bastoncino e infine squadrate
  2. le foto in basso con lievito in bustina tipo lievito bartolini, 14 g, mantenendo l'impasto un po' più basso (per chi non trova o non può usare questo lievito)


Ingredienti:
  • 500 g farina 00 w 160 (in questo caso no mulino biaco basterà una comune 00 debole) l'impasto deve essere abbastanza duro, se non lo fosse abbastanza aumentare di altri 50 g la farina, dipende molto dal tipo di farina,vi metto la foto di quella che ho usato io, se non la trovate
  • 10 g di bicarbonato d'ammonio (ammoniaca per dolci edit: ho aggiunto la foto in basso, lo trovate in drogheria)
  • 2 uova
  • 1 tuorlo
  • 30 g di latte
  • 150 g zucchero semolato
  • 100 g di olio di oliva evo fruttato leggero
  •  buccia di un limone non trattato
per la finitura:
acqua, zucchero

Procedimento:
  1. Preriscaldare il forno a 180° ,
  2. mettere nella ciotola della planetaria, uova, tuorlo, zucchero e olio,
  3. far partire la macchina con gancio a scudo,
  4. aggiungere la buccia grattugiata di un limone,
  5. sciogliere il bicarbonato d'ammonio nel latte e aggiungere al composto,
  6. incorporare la farina,
  7. impastare velocemente il tutto,
  8. continuare brevemente la lavorazione a mano,
  9. spianare l'impasto con il matterello, allo spessore di 4/7 mm.
  10. Spennellare la superficie con una miscela di acqua e zucchero
  11. con un coltello molto affilato formare i biscotti
  12. con i rebbi di una forchetta segnare la superficie dell'impasto
  13. infornare a forno  statico per 13 minuti
  14. far raffreddare su di una gratella.
*la puzza di ammoniaca scompare quando i biscotti, si raffreddano

Commenti

  1. Il gancio a scudo quale sarebbe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao UNKNOWN, benvenuta del blog, nelle planetarie di casa è il gancio a " K" la foglia

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Macaron

I Macaron un nome buffo che ha origine dai suoi creatori, maccheroni, Italia. Molti erroneamente pensano che siano francesi, e invece no, fu Caterina Dei Medici a far conoscere questa bontà ai francesi, che ne migliorarono l'aspetto, e ne fecero una vera e propria moda.
Si contano centinaia di volumi che trattano delle tecniche per realizzarli a doc, io stessa ne ho collezionato un po', ne posseggo uno che parla esclusivamente degli errori che si possono commettere nel farli.......alla fine ho capito che sono loro a scegliere se venire bene o male :D noi li possiamo solo corteggiare morbosamente :D. Ovviamente scherzo basta conoscere bene le proprie attrezzature e procedere con cura e precisione.
ecco la ricetta tratta dal volume Macaron Una tentazione irresistibile:

Per circa 40 macaron:
200 g di  mandorle o altra frutta secca 20 g di cacao 200 g di zucchero a velo (non fatelo voi in casa)50 g di acqua200 g di zucchero semolato2x75 g di albumi a temperatura ambiente. (Hermé …

Le Cammille

Le camille sono tanto caruccie, e buone,  ma basta sbagliare un ingrediente per avere un macigno papposoe appicicaticcio, dopo due giorni di esperimenti finalmente è nata "la camilla"

Crostata di frolla alla confettura di albicocche

Chiamarla frolla è riduttivo, ma questo è il nome che il Maestro Massari da a questa torta,e allora io devo dire che non ho mai veramente mangiato una frolla prima di questa ricetta. Pur avendola cotta bene, pur essendo friabile è una nuvola che si scioglie in bocca, grazie Maestro per queste sue opere che ci dona con infinità generosità.