Passa ai contenuti principali

Cuore mou





Non credo che questi pasticcini necessitino di presentazione, basta la foto, per far capire che si sciolgono in bocca e con un buon caffè il paradiso è assicurato!
Bando alle ciance: ecco la ricetta per  “una dozzina di cuore mou”


Ingredienti Pate sablèe Pierre Hermè:
Ingredienti:

  •     g 75 burro di panna di centrifuga morbido
  •     g 15  farina di mandorle
  •     g 50 g di zucchero
  •     g 0,5  di polpa di vaniglia
  •     ½ uovo (30 g)
  •     g 0,5 di sale
  •     g 100 di farina
  •     g 30 di cacao


Procedimento

    Montare leggermente il burro con lo zucchero, il sale e la vaniglia.
    Aggiungere ½ uovo
    Incorporare le farine e il cacao più volte setacciati insieme
    Conservare in frigo fino all’uso.

Ingredienti mou:
  • 40 g acqua
  • 130 g zucchero semolato
  • 30 g glucosio
  • 40 g di panna fresca  35% m.g.
  • 35 g burro
  • 5 g di fior di sale
Procedimento
  1. Unire in un pentolino il glucosio, l'acqua e lo zucchero
  2. Portare alla temperatura di 170° (se non si ha il termometro aspettare, senza girare, che il caramello diventi di un bel biondo intenso)
  3. Fuori dal fuoco aggiungere prima il burro e il sale,  mescolare
  4. Aggiungere con cautela la panna
  5. Continuare la cottura per due minuti.

Ingredienti Glassa al cacao
Ingredienti:
  • g 50 di zucchero
  • g 10 g glucosio
  • g 120 acqua
  • g 60  cacao
  • n.1 cucchiaio di olio di semi
Procedimento:
  1. Unire gli ingredienti in un tegame a fondo doppio
  2. Fare addensare a fuoco lento.
  3. Usare immediatamente, tende a rapprendere raffreddandosi.


 Assemblaggio:

  1. Stendere a tre millimetri, fra due fogli di carta forno, la pasta sablèe
  2. Bucherellare
  3. Coppare con un coppapasta poco più grande della teglia per la cottura
  4. Riporre i dischetti nelle forme per la cottura
  5. Pareggiare i bordi con una spatola
  6. Mettere in congelatore per circa 30 minuti
  7. Infornare a 180 °C forno statico preriscaldato per 14 minuti (verificare sempre la cottura)
  8. Far raffreddare su gratelle i gusci di pasta sablèe
  9. Comporre la salsa mou
  10. Versare la salsa nei gusci per i ¾ della loro altezza
  11. Porli in congelatore 10 minuti
  12. Preparare la glassa amara
  13. Versare nei gusci dopo che la salsa mou è ben rappresa
  14. Con il caldo eccessivo di questi giorni, conservare il prodotto finito in frigo. Prima di servire tenere a temperatura ambiente almeno per 20 minuti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Macaron

I Macaron un nome buffo che ha origine dai suoi creatori, maccheroni, Italia. Molti erroneamente pensano che siano francesi, e invece no, fu Caterina Dei Medici a far conoscere questa bontà ai francesi, che ne migliorarono l'aspetto, e ne fecero una vera e propria moda.
Si contano centinaia di volumi che trattano delle tecniche per realizzarli a doc, io stessa ne ho collezionato un po', ne posseggo uno che parla esclusivamente degli errori che si possono commettere nel farli.......alla fine ho capito che sono loro a scegliere se venire bene o male :D noi li possiamo solo corteggiare morbosamente :D. Ovviamente scherzo basta conoscere bene le proprie attrezzature e procedere con cura e precisione.
ecco la ricetta tratta dal volume Macaron Una tentazione irresistibile:

Per circa 40 macaron:
200 g di  mandorle o altra frutta secca 20 g di cacao 200 g di zucchero a velo (non fatelo voi in casa)50 g di acqua200 g di zucchero semolato2x75 g di albumi a temperatura ambiente. (Hermé …

Le Cammille

Le camille sono tanto caruccie, e buone,  ma basta sbagliare un ingrediente per avere un macigno papposoe appicicaticcio, dopo due giorni di esperimenti finalmente è nata "la camilla"

Crostata di frolla alla confettura di albicocche

Chiamarla frolla è riduttivo, ma questo è il nome che il Maestro Massari da a questa torta,e allora io devo dire che non ho mai veramente mangiato una frolla prima di questa ricetta. Pur avendola cotta bene, pur essendo friabile è una nuvola che si scioglie in bocca, grazie Maestro per queste sue opere che ci dona con infinità generosità.