Passa ai contenuti principali

Pasticcini di frolla montata by Teresa Insero



I miei pasticcini di frolla montata. Avvertenze: creano grave dipendenza 😜! Sono super veloci e facili, ma ci fate un figurone! Nella ricetta vi scrivo qualche trucco per non far perdere la forma, e soprattutto per evitare quel sapore un po' eccessivo di burro .

Per 20 pasticcini di frolla montata dal diametro di 4 cm

Ingredienti:

  • 250 g di farina 00 (vi metto la foto)
  • 170 g di burro di sola panna di centrifuga (vi metto la foto, non sono miei sponsor, sono solo prodotti validi)
  • 130 g di zucchero a velo
  • 28 g di cacao in polvere
  • 1 uovo +  un tuorlo freddi da frigo
  • 3 g di polpa di vaniglia Tahiti (ha note più calde e speziate)
Ingredienti decorazione:

  • 100 g di cioccolato fondente 50 % , tritato finemente.
Vi posso assicurare che sono veramente facili e molto veloci…..

Metto tante piccole dritte,  per evitare che abbiate degli imprevisti. La pasticceria è sperimentazione e condivisione….


Procedimento:
  1. Ridurre a pezzetti il burro freddo e riporlo nella ciotola della planetaria
  2. Aggiungere lo zucchero a velo e la vaniglia
  3. Montare con la frusta finché il prodotto non è soffice e sbiancato (è importante usare un burro di centrifuga: 1° perché anche da freddo rimane lavorabile, 2° ha grandi doti organolettiche, 3° in particolare, il sapore è delicato e piacevole).
  4. Aggiungere il tuorlo e l’uovo sbattuto un po’ alla volta (è molto importante che siano freddi)
  5. Setacciare più volte il cacao con la farina
  6. Aggiungere a pioggia
  7. Lavorare l’impasto brevemente con il gancio a scudo
  8. Riempire una sacca di tela piccola con beccuccio rigato (non usare una sacca usa e getta, il prodotto è “ tenace” romperebbe la tasca di plastica, inoltre deve essere piccola, in questo modo non si rischia di surriscaldare l’impasto tenendolo in mano a lungo)
  9. Formare i pasticcini su una placca da biscotti, spennellata con burro e coperta da carta forno. (usare sempre teglie di alluminio leggere (no antiaderenti) per i biscotti, danno una cottura più delicata, ed eccezione dei macarons e pochissimi altri biscotti)
  10. Riporre la placca in frigo per due ore.
  11. Cuocere i pasticcini per 6 minuti a 200 °C e per altri 6 minuti a 180 °C (devono rimanere un po’ morbidi e i bordi non si devono assolutamente scurire, darebbero un sapore di amaro sgradevolissimo)
  12. Fare raffreddare i pasticcini su una gratella
  13. Fondere 50 g di cioccolato fondente a bagnomaria (l’acqua del bagno maria non deve assolutamente bollire, rovinerebbe il cioccolato)
  14. Quando il cioccolato sarà fuso aggiungere il restante cioccolato e mescolare con cura, fino alla fusione di quest’ultimo.
  15. Inzuppare i biscotti, per metà.
  16. Far rapprendere il cioccolato su di una gratella.
  17. Viste le temperature di questo periodo, conservare i biscotti in frigo in una scatola di cartone.


Commenti

Post popolari in questo blog

Sofficini fatti in casa

Facili, veloci buonissimi!!



PER 20 SOFFICINI

Ingeredienti sfoglia:
300 g di farina debole
 latte q.b

Panatura:
6 uova intere
pan grattato
sale, pepe q.b.

Farcia:
500 g ricotta
sale
pepe
prosciutto cotto
mozzarella fatta asciugare in frigo

Farcia rossa:
500 g di ragù congelato
200 g mozzarella asciugata in frigo.

Procedimento:
Impastare velocemente farina e latte formando un impasto elestico.


Stendere delle sfoglie sottilissime, e riporvi la farcia desiderata.




Il ragù deve essere congelato, altrimenti sarà impossibile gestire il sofficino.

Una volta farciti, tenerli in congelatore almeno 2 ore.



Impanarli con uova sbattute, sale, pepe, e pan grattato.

Friggere in olio bollente.
Possono essere fatti molte ore prima e poi riscaldati in forno.

Ravioli ricotta e melanzane

Si capisce che fare la pasta mi piace????

Credo di si :D ! Sono più di 25 anni che faccio pasta in casa un grande amore!
Mi rilassa tanto...... è una cosa semplice e facile

Sapete quanto costa qui un 1kg di ravioli freschi passabili?
12 euro o_° so tanti!

Se li facciamo in casa usando prodotti buoni e freschi spendiamo max 6 euro, e mangiamo un piatto ottimo.
Sull’origine delle paste alimentari si conosce ben poco, proprio questa incertezza ha dato vita a svariate leggende.
Alcuni archeologi credono di scorgere sulle pitture murali etrusche i gesti e gli utensili di chi sta preparando della pasta fresca, tipo lasagne o tagliatelle.
In epoca immediatamente successiva, invece, questo prodotto viene completamente dimenticato, per poi fare la sua ricomparsa in Cina nel I secolo d. C.
La forma della pasta è sostanzialmente l’espressione delle fantasie locali, il sapore è nato da infinite creazioni casalinghe, dall’impegno di ogni giorno applicato a quanto la terra aveva e ha da offrire: le verdu…