Passa ai contenuti principali

Perché usare la macchina del pane




E’ lo so è un post insolito ma doveroso per me che adoro questa piccola macchina, che non uso per cuocere bensì solo per impastare e lievitare, la trovo estremamente comoda, ha un prezzo irrisorio e lavora bene, e mica fa solo il pane ihihihihi:

Ravioloni

Ingredienti per la pasta:

700 gr di farina lo conte per pasta

6 uova intere

un cucchiaio di strutto





mettere nel cestello le uova sbattute e impostare la macchina a modalità impasto, aggiungere gradatamente la farina e quando si è formata l'impasto, aggiungere lo strutto.

Spegnere mdp quando l'impasto sarà lucido.

Preparare il ripieno, io ho scottato e rosolato in burro gli spinaci ho aggiunto: noci, sale, provola, ricotta e un uovo; non metto le dosi perchè lo faccio ad occhio, ed è una questione di gusto si assaggia e ci si regola :)) è meglio frullare tutto e unire alla ricotta nella planetaria.

E qui ci vengono in aiuto tre attrezzi semplici semplici ma indispensabili, quello di destra era di mia madre ha più di 36 anni marò quanto è vecchio ha la mia età HAHAHAHAHA vabbè andiamo avanti che è meglio! con la spatola di metallo tagliamo un pezzo dell'impasto e il resto lo ficchiamo sotto una ciotola per non farlo seccare, lo stendiamo un po' con il matterello e lo passiamo nella sfogliatrice, al contrario di quello che si farebbe per le tagliatele le sfoglie devono essere stese un po' alla volta senza farle seccare, devono essere sottilissime per ottenere un raviolo più delicato alla carne, se invece si vuole un ripieno come questo, che è umido si deve lasciare leggermente più spessa per evitare che la sfoglia inumidisca troppo.

Con gli aggeggi plurisecolari ihihih si segna leggermente la pasta per capire dove deve andare e quanto deve essere il ripieno.



E con la sacca si procede a fare i mucchietti d'impasto, con il pennello si bagna un po' la sfoglia per non far aprire i ravioli in cottura.

Si adagia la seconda sfoglia piano piano eliminando l'aria, con il palmo della mano.


E si sigilla prima con il cerchio e poi si taglia con il quadrato.


Si dispongono i ravioloni su vassoi, e possono essere congelati, la morte loro è burro e salvia!!!



Commenti

  1. Mamma che sò belli e buoni questi ravioloni!!!hahaha mi hai fatto ridere anche io ho accessori di mia madre,sò vecchi ma non se rompono!!^_*
    bravissima
    buona serata Anna

    RispondiElimina
  2. Ed io che mi aspettavo di vedere un pane!!! Mitica come sempre Teresì!
    Buon Anno a tutti Voi!

    RispondiElimina
  3. Anna grazie è vero i loro erano migliori le nostre caccavelle made in china non credo dureranno tanto haha

    Olga ci stà pure quello ihihi... grazie un buon anno anche a te e ai tuoi cari BACI

    RispondiElimina
  4. Non avevo mai pensato ad impastarci l'impasto per la pasta; idea geniale, brava Terè.

    Baci a te e famiglia

    RispondiElimina
  5. Tu sei un GENIO !!!!!
    Io amo i ravioli, non se po fa così...guardare e non mangiare:-(

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Crostata di frolla alla confettura di albicocche

Chiamarla frolla è riduttivo, ma questo è il nome che il Maestro Massari da a questa torta,e allora io devo dire che non ho mai veramente mangiato una frolla prima di questa ricetta. Pur avendola cotta bene, pur essendo friabile è una nuvola che si scioglie in bocca, grazie Maestro per queste sue opere che ci dona con infinità generosità.

Ravioli ricotta e melanzane

Si capisce che fare la pasta mi piace????

Credo di si :D ! Sono più di 25 anni che faccio pasta in casa un grande amore!
Mi rilassa tanto...... è una cosa semplice e facile

Sapete quanto costa qui un 1kg di ravioli freschi passabili?
12 euro o_° so tanti!

Se li facciamo in casa usando prodotti buoni e freschi spendiamo max 6 euro, e mangiamo un piatto ottimo.
Sull’origine delle paste alimentari si conosce ben poco, proprio questa incertezza ha dato vita a svariate leggende.
Alcuni archeologi credono di scorgere sulle pitture murali etrusche i gesti e gli utensili di chi sta preparando della pasta fresca, tipo lasagne o tagliatelle.
In epoca immediatamente successiva, invece, questo prodotto viene completamente dimenticato, per poi fare la sua ricomparsa in Cina nel I secolo d. C.
La forma della pasta è sostanzialmente l’espressione delle fantasie locali, il sapore è nato da infinite creazioni casalinghe, dall’impegno di ogni giorno applicato a quanto la terra aveva e ha da offrire: le verdu…

Fiocchi di Neve Brioche

HE' Poppella che inventò.
Si sa, la genialità risiede nella semplicità.
Una piccola nuvola di brioche con un cuore cremoso di ricotta e panna. Dopo aver assaggiato "il fiocco di neve", questo è il nome di tale delizia, si avrà un nuovo dolce preferito.
Per i poveri sfortunati, che di rado visitano la città più bella del mondo, Napoli, ecco la versione da fare a casa. Ovviamente è una mia versione, Poppella non darà mai la sua ricetta.......
(in foto sembrano molto grandi, in realtà dovrebbero essere dei bottoncini, ma il caldo si sà fa lievitare troppo...)