Passa ai contenuti principali

Mandorle pralinate



Ci sono due ricette che girano per i vari forum , una prevedere di aggiungere 2 cucchiai d’acqua un cucchiaino di cacao alle mandole /zucchero , l’altra ricetta prevede di tenere in ammollo le mandorle e poi di aggiungerle allo zucchero, la foto qui su è fatta con la seconda ricetta, ma devo dire che ho sempre seguito la prima e non so forse per abitudine o per gusti personali mi piacciono di più quelle che ho ottenuto con la di prima ricetta ed è quella che mi sento di consigliarvi:

Ingredienti

250 g di mandorle non pelate

250 g di zucchero semolato fine

2 cucchiai di acqua

1 cucchiaino raso di cacao amaro

Conviene non superare i 250 g per non prolungare troppo il tempo di cottura, che sembra interminabile perché bisogna sempre girare.

Mettere in un tegame a fondo doppio (la tradizione vorrebbe un tegame in rame,) su un fuoco basso, aggiungere lo zucchero l’acqua, il cacao e le mandorle, girare senza mai fermarsi.

Quando le mandorle scoppiettano e lo zucchero si imbrunisce, continuare a girare finché le mandorle avranno un bel colore bruno, distenderle su carta forno per freddare.

Commenti

  1. E allora ditelo che mi volete male!
    Quanto mi piacciono!

    RispondiElimina
  2. E queste mi verrebbe voglia di provarle subito! Le adoro e per via della celiachia, non posso più comprare quelle già pronte... (ci aggiungono sempre qualche schifezza proibita)
    Adesso me le posso fare :-)
    Grazie Terè!

    RispondiElimina
  3. Mamma mia che bontà !!!!!!!!!! Brava Teresì sei quello che sei

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Crostata di frolla alla confettura di albicocche

Chiamarla frolla è riduttivo, ma questo è il nome che il Maestro Massari da a questa torta,e allora io devo dire che non ho mai veramente mangiato una frolla prima di questa ricetta. Pur avendola cotta bene, pur essendo friabile è una nuvola che si scioglie in bocca, grazie Maestro per queste sue opere che ci dona con infinità generosità.

Ravioli ricotta e melanzane

Si capisce che fare la pasta mi piace????

Credo di si :D ! Sono più di 25 anni che faccio pasta in casa un grande amore!
Mi rilassa tanto...... è una cosa semplice e facile

Sapete quanto costa qui un 1kg di ravioli freschi passabili?
12 euro o_° so tanti!

Se li facciamo in casa usando prodotti buoni e freschi spendiamo max 6 euro, e mangiamo un piatto ottimo.
Sull’origine delle paste alimentari si conosce ben poco, proprio questa incertezza ha dato vita a svariate leggende.
Alcuni archeologi credono di scorgere sulle pitture murali etrusche i gesti e gli utensili di chi sta preparando della pasta fresca, tipo lasagne o tagliatelle.
In epoca immediatamente successiva, invece, questo prodotto viene completamente dimenticato, per poi fare la sua ricomparsa in Cina nel I secolo d. C.
La forma della pasta è sostanzialmente l’espressione delle fantasie locali, il sapore è nato da infinite creazioni casalinghe, dall’impegno di ogni giorno applicato a quanto la terra aveva e ha da offrire: le verdu…

Fiocchi di Neve Brioche

HE' Poppella che inventò.
Si sa, la genialità risiede nella semplicità.
Una piccola nuvola di brioche con un cuore cremoso di ricotta e panna. Dopo aver assaggiato "il fiocco di neve", questo è il nome di tale delizia, si avrà un nuovo dolce preferito.
Per i poveri sfortunati, che di rado visitano la città più bella del mondo, Napoli, ecco la versione da fare a casa. Ovviamente è una mia versione, Poppella non darà mai la sua ricetta.......
(in foto sembrano molto grandi, in realtà dovrebbero essere dei bottoncini, ma il caldo si sà fa lievitare troppo...)