Passa ai contenuti principali

Mandorle pralinate



Ci sono due ricette che girano per i vari forum , una prevedere di aggiungere 2 cucchiai d’acqua un cucchiaino di cacao alle mandole /zucchero , l’altra ricetta prevede di tenere in ammollo le mandorle e poi di aggiungerle allo zucchero, la foto qui su è fatta con la seconda ricetta, ma devo dire che ho sempre seguito la prima e non so forse per abitudine o per gusti personali mi piacciono di più quelle che ho ottenuto con la di prima ricetta ed è quella che mi sento di consigliarvi:

Ingredienti

250 g di mandorle non pelate

250 g di zucchero semolato fine

2 cucchiai di acqua

1 cucchiaino raso di cacao amaro

Conviene non superare i 250 g per non prolungare troppo il tempo di cottura, che sembra interminabile perché bisogna sempre girare.

Mettere in un tegame a fondo doppio (la tradizione vorrebbe un tegame in rame,) su un fuoco basso, aggiungere lo zucchero l’acqua, il cacao e le mandorle, girare senza mai fermarsi.

Quando le mandorle scoppiettano e lo zucchero si imbrunisce, continuare a girare finché le mandorle avranno un bel colore bruno, distenderle su carta forno per freddare.

Commenti

  1. E allora ditelo che mi volete male!
    Quanto mi piacciono!

    RispondiElimina
  2. E queste mi verrebbe voglia di provarle subito! Le adoro e per via della celiachia, non posso più comprare quelle già pronte... (ci aggiungono sempre qualche schifezza proibita)
    Adesso me le posso fare :-)
    Grazie Terè!

    RispondiElimina
  3. Mamma mia che bontà !!!!!!!!!! Brava Teresì sei quello che sei

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le Cammille

Le camille sono tanto caruccie, e buone,  ma basta sbagliare un ingrediente per avere un macigno papposoe appicicaticcio, dopo due giorni di esperimenti finalmente è nata "la camilla"

Pasticcini di frolla montata by Teresa Insero

I miei pasticcini di frolla montata. Avvertenze: creano grave dipendenza 😜! Sono super veloci e facili, ma ci fate un figurone! Nella ricetta vi scrivo qualche trucco per non far perdere la forma, e soprattutto per evitare quel sapore un po' eccessivo di burro .

Macaron

I Macaron un nome buffo che ha origine dai suoi creatori, maccheroni, Italia. Molti erroneamente pensano che siano francesi, e invece no, fu Caterina Dei Medici a far conoscere questa bontà ai francesi, che ne migliorarono l'aspetto, e ne fecero una vera e propria moda.
Si contano centinaia di volumi che trattano delle tecniche per realizzarli a doc, io stessa ne ho collezionato un po', ne posseggo uno che parla esclusivamente degli errori che si possono commettere nel farli.......alla fine ho capito che sono loro a scegliere se venire bene o male :D noi li possiamo solo corteggiare morbosamente :D. Ovviamente scherzo basta conoscere bene le proprie attrezzature e procedere con cura e precisione.
ecco la ricetta tratta dal volume Macaron Una tentazione irresistibile:

Per circa 40 macaron:
200 g di  mandorle o altra frutta secca 20 g di cacao 200 g di zucchero a velo (non fatelo voi in casa)50 g di acqua200 g di zucchero semolato2x75 g di albumi a temperatura ambiente. (Hermé …