Passa ai contenuti principali

Barchette al limone



La ricetta è di Maria di Nessunonasceimparato quindi ero si cura che sarebbe stata un successo, perché questa donna non ne sbaglia una!!!!
delicate e facili da fare

Maria usa la frolla di Pinella: io ho fatto metà dose e ho usato la farina con lievito del Molino Rossetto

500 gr di farina
16 gr di lievito
250 burro
250 zucchero
1 uovo intero
due tuorli
scorza di limone grat.


Con un frullatore a lame impastare la frolla e conservare in frigo.

Ingredienti crema :

2 uova intere
Succo di 2 limoni
100 g di zucchero
20 gr di burro

Sbattere le uova con lo zucchero, passare su un fornello, girare con una frusta e incorporare il limone, e far addensare.
Come insegna Montersino rimpastare la frolla velocemente e stenderla velocemente spolverando il piano con un po’ di farina.
Adagiare la sfoglia sullo stampo io ho usato quello della Pavonidea, aggiungere la crema fredda e soda, cuocere a 180 per 20 minuti.

Commenti

  1. Non mi chiamare mai quando fai queste delizie...mi raccomando !!!

    Che belle Teresina

    RispondiElimina
  2. mamma mia da fare immediatamente , intanto me la segno!!! bravissimaaaaaa
    un bacione Anna

    RispondiElimina
  3. Grazie ragazze un baciotto grande!!!

    RispondiElimina
  4. A parte la ricetta, che belle!

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. woooooooooooooooooooooow!!!
    Inutile dire che mi iscrivo subito al blog!!!

    RispondiElimina
  7. deliziaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!brava!

    RispondiElimina
  8. bellissime...brava..brava..brava!!
    Tere'...ci credi??le ho fatte anche io...
    ma con la frolla con la sugna...ora le posto..
    baciotti Enza

    RispondiElimina
  9. GRAZIE sono facilissime da fare!!
    Enza hahaha vado a vede bacio

    RispondiElimina
  10. Da vetrina di pasticceria! Quanto son belle!
    Buona giornata Terè :-*

    RispondiElimina
  11. Sono perfette...nulla da dire!Brava.
    Buona giornata

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Éclair, i bigné alla francese

Gli Èclair, i bignè alla francese. Credo che molti conoscano la mia passione perversa per i bignè. Prove su prove alla ricerca della ricetta bilanciata, e fino a ieri, credevo che la mia ricerca fosse a buon punto. Nulla di più sbagliato. Ieri , un po’ stanca e un po’ distratta dal pensiero di altri esperimenti, ho riprodotto la ricetta del grande Maestro (il Maestro dei Maestri) Pierre Hermé, eeee….. sorpresa ho trovato ciò che cercavo da circa 20 anni, un bignè fragrante, che si gonfia ma mantiene la forma, che non necessita del passaggio in stufa a 40° per farlo asciugare……quindi si una magia che solo lui poteva fare. Eccovi la ricetta dal libro LE LAROUSSE DES DESSERTS ______________________________________________

Ingredienti per 13éclairs:
60 ml di acqua75 ml latte intero2 g sale3 g zucchero56 g burro di centrifuga75 g di farina debole3 o 2 uova piccole. Vi metto la foto di alcuni ingredienti

Preriscaldare il forno a 170 °C forno statico valvola chiusa (il forno deve essere ben c…

Cupcakes dal cappello alto

Cupcake dal cappello alto, è un dolcino estremamente scenografico, ma anche molto buono, nonostante sia una "ricetta americana" ha il sapore dei dolci delle nostre nonne.
 Passiamo subito alla ricetta, che io ho preso qui, ovviamente ho fatto le mie modifiche, sempre rispettando il carattere goloso del dolcino.

 Ingredienti per 11 cupcakes: (il 12° è molto piccolo)

125 g farina debole per dolci tipo mulino bianco
25g di polvere orzo-caffe solubili
1 cucchiaino di bicarbonato e cremor tartaro (in parte uguali)
40 g di burro fuso (bavarese)
40 g di olio di oliva delicato
170 g zucchero (di cui 50 grammi di zucchero di canna grezzo integrale)
80 ml di latte fresco intero
2 uova medie
50 g di scaglie di cioccolato (opzionali)
1 cucchiaino di essenza di vaniglia o polpa di bacca 

Procedimento muffins

Preriscaldare il forno a 170° C statico.
Foderare con pirottini per cupcakes la teglia da muffin.
Setacciare insieme il lievito naturale e la farina, nella ciotola della planetaria.

Le girelle