Passa ai contenuti principali

Dark torta al cioccolato








AMMMERICANI!!! Con stè tazze e stì cup eeeeeee scrivete come mangiate!!! Tazze liquide tazze solidi secche, asciutte, britannico, no americano, sembra l’esame di fisica tecnica con tutte stè "unità di misura"!-se ne volete sapere di più qui spiega bene la quantità standardizzata per la misurazione in cucina americana e anglosassone. 
Torniamo a noi! :D questa è quella torta con la glassa al cioccolato che si vede in tutti i film americani che per me è stata sempre un sogno, "quando divento grande la faccio ai miei bimbi!"
E’ buonissima per chi come me ama il cioccolato.




Ingredienti :
250 g di burro
70 g cacao
280 g farina Molino Rossetto per dolci
½ cucchiaino di lievito per dolci
½ cucchiaino di bicarbonato
½ cucchiaino di sale
280 g di zucchero di canna chiaro frullato finissimo
2 uova grandi
2 tuorli
200 g cioccolato al 65%
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
30 g di yogurt bianco con 150 ml di latte


Preriscaldare il forno a 180°
Montare il burro con lo zucchero.
Incorporare ad una alla volta le uova e i tuorli, le uova devono essere a temperatura ambiente altrimenti la differenza di temperatura con il burro, farà cagliare il composto, che ritorna cremoso e compatto montandolo allungo.
Sciogliere il cioccolato e aggiungere lo yogurt e il latte e incorporarlo al composto, sempre montando.
Setacciare la farina, il cacao, e i lieviti e aggiungere al composto piano piano senza smontare il composto.
Dividere l’impasto in due teglie uguali della Guardini di 18 cm, foderate anche sui lati con carta forno.
Cuocere a 180 ° per circa 40 minuti
Lasciare riposare le torte per 15 minuti nello stampo per poi girare sottosopra su gratella

Ingredienti Ganache:

600 ml panna no vegetale (vi allappa la bocca)
100 g di zucchero a velo
500 g di cioccolato 76%
60 glucosio
In una pentola a fondo doppio aggiungere tutti gli ingredienti facendoli fondere, fuori dal fuoco, passare con il mix ad immersione e poi montare con la frusta
Travasare il prodotto in una ciotola e coprila a contatto con pellicola adatta.
Trascorse due ore montare nuovamente.





Assemblaggio dolce
Unire le due torte con la ganache e spatolare la superficie.

Commenti

  1. ammazza!!!!!!!! golosa all'ennesima potenza!!!!!!!!!!!!!!la segno!bravissima!baci!

    RispondiElimina
  2. Wow! Chiaramente perfetta esteticamente ma non ho dubbi sulla bontà, squisitezza!, di questa torta. Quella ganache poi è da urlo!

    RispondiElimina
  3. E questa da quale cappello a cilindro l'hai tirata fuori? Cioè fammi capì, tu buona buona zitta zitta sforni una cosa del genere e non dici niente??? E io ora che faccio? Continuo a sbavare davanti a questo schermo?
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  4. MA è davvero quella dei film!!!
    :D
    io ti dirò mi sono convertita alle cup, quando mi si è rotta la bilancia (in realtà si era solo scaricata la pila!!) sono tornate utilissime!!!
    piacere di averti conosciuto!!
    inserita ovviamente di rigore nei miei blog roll
    baci
    Vero

    RispondiElimina
  5. hahahahahaha mi fai morire dalle risate con stè tazze anche io ha volte rinuncio, ma questa torta è il top dei top FAVOLOSA!!! slurp
    complimentissimi
    baci Anna

    RispondiElimina
  6. Mamma mia ,ma questa torta e' spettacolare solo a guardarla figuriamoci a mangiarla.Complimenti.
    Anche la prsentazione e' molto bella.
    Un saluto e una buona giornata, Fausta

    RispondiElimina
  7. Ciao carissima mi sono appena aggiunta ai tuoi sostenitori ho visto delle ricette ottime nel tuo blog, e poi questa torta e'un vero pericolo per chi come me e ciccolatodipendente,!!!!Troppo bella e troppo buonaaaaaaaaaa!!!Se ti fa piacere passa a trovarmi a presto!!!

    RispondiElimina
  8. La torta è bellissima, ma tu Teré, non mi puoi cascare sulle cup!!! La cup non è un'unità di misura, la cup è una tazza!
    Hai mai fatto la torta vasetto, quella che misuri tutti gli ingredienti col vasetto dello yogurt? Il principio è lo stesso: prendi una tazza, generalmente una tazza da té, e misuri tutti gli ingredienti con la stessa tazza... è facile!!! ;-)
    Un bacione... dopo mi vengo a prendere una fetta di torta, che con questa spiegazione me la sono meritata!!! :-D

    RispondiElimina
  9. Mannaggia Teresa, che torta fantastica! Ne voglio anch'io una fetta!!!!! Un bacione!

    RispondiElimina
  10. Teresa, mia figlia sta sbavando davanti al computer....mi ha ""ordinato"" di copiare la ricetta per farla al più presto!!!!
    Bravissima!!!!!

    RispondiElimina
  11. Che bontà di torta...complimenti.



    p.s. grazie per il tuo sostegno..sono diventata anche io tua sostenitrice.

    ciao

    RispondiElimina
  12. Grazie ragazze un abbraccio e una fetta mi piacerebbe un giorno mangiarla con voi!!!


    Min la fetta tu la meriti sempre! ma il fatto è assai più complesso di come può apparire, si rischia l’esaurimento senti a me, loro si so creati la loro unità di misura, la sbarra di platino iridio gli fa un baffo, uno crede di trovarsi una tazza davanti è no invece non è così tieni avanti un misuratore, di quanità fisica standardizzato, quindi una vera e propria unità di misura, MAAAAAAAA FOSSE IL meno!!!! Perché quella tazza (n’incubo) non è perfettamente uguale in tutto il globo, dall’America, all’Austria varia assai, e non ne parliamo se cambia l’entità molecolare AAAAAAA è tutto un dire http://www.notedicioccolato.it/index.php?Art=2564

    Però parlando seriamente non è difficile altrimenti chi la faceva?HAHAHA Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. so' rimasta incantata a guarda'....
    è una vera goduria...e tu una grande artista!!
    bacini

    RispondiElimina
  14. M-E-R-A-V-I-G-L-I-O-S-A!!!
    Sono rimasta incantata da questa torta bella fuori e dentro!!

    RispondiElimina
  15. En varias visitas me he encontrado con tortas, pero la que has preparado tú con chocolate y los demás ingredientes,es fantática,me encantó,siempre me voy por los dulces y ésta torta está muy bien decorada,hoy te pondré en mi lista porque cocinas espectacular,abrazos y cariños.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Éclair, i bigné alla francese

Gli Èclair, i bignè alla francese. Credo che molti conoscano la mia passione perversa per i bignè. Prove su prove alla ricerca della ricetta bilanciata, e fino a ieri, credevo che la mia ricerca fosse a buon punto. Nulla di più sbagliato. Ieri , un po’ stanca e un po’ distratta dal pensiero di altri esperimenti, ho riprodotto la ricetta del grande Maestro (il Maestro dei Maestri) Pierre Hermé, eeee….. sorpresa ho trovato ciò che cercavo da circa 20 anni, un bignè fragrante, che si gonfia ma mantiene la forma, che non necessita del passaggio in stufa a 40° per farlo asciugare……quindi si una magia che solo lui poteva fare. Eccovi la ricetta dal libro LE LAROUSSE DES DESSERTS ______________________________________________

Ingredienti per 13éclairs:
60 ml di acqua75 ml latte intero2 g sale3 g zucchero56 g burro di centrifuga75 g di farina debole3 o 2 uova piccole. Vi metto la foto di alcuni ingredienti

Preriscaldare il forno a 170 °C forno statico valvola chiusa (il forno deve essere ben c…

Cupcakes dal cappello alto

Cupcake dal cappello alto, è un dolcino estremamente scenografico, ma anche molto buono, nonostante sia una "ricetta americana" ha il sapore dei dolci delle nostre nonne.
 Passiamo subito alla ricetta, che io ho preso qui, ovviamente ho fatto le mie modifiche, sempre rispettando il carattere goloso del dolcino.

 Ingredienti per 11 cupcakes: (il 12° è molto piccolo)

125 g farina debole per dolci tipo mulino bianco
25g di polvere orzo-caffe solubili
1 cucchiaino di bicarbonato e cremor tartaro (in parte uguali)
40 g di burro fuso (bavarese)
40 g di olio di oliva delicato
170 g zucchero (di cui 50 grammi di zucchero di canna grezzo integrale)
80 ml di latte fresco intero
2 uova medie
50 g di scaglie di cioccolato (opzionali)
1 cucchiaino di essenza di vaniglia o polpa di bacca 

Procedimento muffins

Preriscaldare il forno a 170° C statico.
Foderare con pirottini per cupcakes la teglia da muffin.
Setacciare insieme il lievito naturale e la farina, nella ciotola della planetaria.

Le girelle