Passa ai contenuti principali

Pizzont'


Pizza unta o “ pizzont’” un classico della cucina campana più antica, le nonne la facevano il sabato togliendo un pezzo di pasta da quella preparata per fare i pezzi di pane “u’ paniell’ e pan’”, la pasta veniva fatta lievitare dopo aver aggiunto un po’ di acqua tiepida, ottenendo un impasto più elastico e appiccicoso, che veniva allargato con le mani bagnate e fatto friggere in olio o strutto bollente!!!! Ancora calda veniva cosparsa di zucchero o di sale.




Ancor oggi queste pizzette fritte vengono fatte un po’ in tutte le case per accontentare grandi e piccini, la mia è una ricetta veloce per farle, non hanno sicuramente il sapore di quelle che facevano le nostre nonne, ma sono ugualmente buone.
Ingredienti:
500 g di farina normalissima
300 g di acqua tiepida
10 g di lievito di birra oppure 100 gr di criscito/ pasta di riporto/ pasta madre
2 cucchiaini di sale (regolatevi secondo i vostri gusti)
50 g di strutto è opzionale a me piace e ce lo metto ihihihih


Mettere nel cestello della macchina del pane l’acqua tiepida e stemperare il lievito qualunque esso sia, aggiungere un po’ di farina e azionare la macchina a modalità impasta e lievita, quando si sarà formata una pastella liscia aggiungere lo strutto e il sale e piano piano tutta la farina.
Quando l’impasto è raddoppiato, staccare dei piccoli pezzi e allargarli con le mani bagnate, friggere in poco olio caldo, come se si volesse fare una frittata.
Passare le pizze su carta assorbente e condirle, io ho preferito una salsa veloce pomodoro fresco con basilico e aglio.

Commenti

  1. Bella ricetta...semplice e veloce...sicuramente da provare!

    RispondiElimina
  2. Saranno sicuramente ottime!!! L'idea dello strutto nell'impasto mi piace assai, gli darà quel tocco in più. Le debbo fare :-)

    RispondiElimina
  3. Ma sai che quasi quasi mi hai dato l'idea... lo provo pure io lo strutto nell'impasto della pizza!
    Grazie Teresì! Che bello vederti circolante!
    Un bacio :-)

    RispondiElimina
  4. buoneeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. finalmente ti sei decisa a tornare...
    ed alla grande...
    manco me ne ero accorta...è stato un caso...
    ciao piccoli'

    Enza

    RispondiElimina
  6. Enza sapessi come è bello leggerti io ci provo speriamo che duri........

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sofficini fatti in casa

Facili, veloci buonissimi!!



PER 20 SOFFICINI

Ingeredienti sfoglia:
300 g di farina debole
 latte q.b

Panatura:
6 uova intere
pan grattato
sale, pepe q.b.

Farcia:
500 g ricotta
sale
pepe
prosciutto cotto
mozzarella fatta asciugare in frigo

Farcia rossa:
500 g di ragù congelato
200 g mozzarella asciugata in frigo.

Procedimento:
Impastare velocemente farina e latte formando un impasto elestico.


Stendere delle sfoglie sottilissime, e riporvi la farcia desiderata.




Il ragù deve essere congelato, altrimenti sarà impossibile gestire il sofficino.

Una volta farciti, tenerli in congelatore almeno 2 ore.



Impanarli con uova sbattute, sale, pepe, e pan grattato.

Friggere in olio bollente.
Possono essere fatti molte ore prima e poi riscaldati in forno.

Crostata di frolla alla confettura di albicocche

Chiamarla frolla è riduttivo, ma questo è il nome che il Maestro Massari da a questa torta,e allora io devo dire che non ho mai veramente mangiato una frolla prima di questa ricetta. Pur avendola cotta bene, pur essendo friabile è una nuvola che si scioglie in bocca, grazie Maestro per queste sue opere che ci dona con infinità generosità.

Ravioli ricotta e melanzane

Si capisce che fare la pasta mi piace????

Credo di si :D ! Sono più di 25 anni che faccio pasta in casa un grande amore!
Mi rilassa tanto...... è una cosa semplice e facile

Sapete quanto costa qui un 1kg di ravioli freschi passabili?
12 euro o_° so tanti!

Se li facciamo in casa usando prodotti buoni e freschi spendiamo max 6 euro, e mangiamo un piatto ottimo.
Sull’origine delle paste alimentari si conosce ben poco, proprio questa incertezza ha dato vita a svariate leggende.
Alcuni archeologi credono di scorgere sulle pitture murali etrusche i gesti e gli utensili di chi sta preparando della pasta fresca, tipo lasagne o tagliatelle.
In epoca immediatamente successiva, invece, questo prodotto viene completamente dimenticato, per poi fare la sua ricomparsa in Cina nel I secolo d. C.
La forma della pasta è sostanzialmente l’espressione delle fantasie locali, il sapore è nato da infinite creazioni casalinghe, dall’impegno di ogni giorno applicato a quanto la terra aveva e ha da offrire: le verdu…