Passa ai contenuti principali

Pizzont'


Pizza unta o “ pizzont’” un classico della cucina campana più antica, le nonne la facevano il sabato togliendo un pezzo di pasta da quella preparata per fare i pezzi di pane “u’ paniell’ e pan’”, la pasta veniva fatta lievitare dopo aver aggiunto un po’ di acqua tiepida, ottenendo un impasto più elastico e appiccicoso, che veniva allargato con le mani bagnate e fatto friggere in olio o strutto bollente!!!! Ancora calda veniva cosparsa di zucchero o di sale.




Ancor oggi queste pizzette fritte vengono fatte un po’ in tutte le case per accontentare grandi e piccini, la mia è una ricetta veloce per farle, non hanno sicuramente il sapore di quelle che facevano le nostre nonne, ma sono ugualmente buone.
Ingredienti:
500 g di farina normalissima
300 g di acqua tiepida
10 g di lievito di birra oppure 100 gr di criscito/ pasta di riporto/ pasta madre
2 cucchiaini di sale (regolatevi secondo i vostri gusti)
50 g di strutto è opzionale a me piace e ce lo metto ihihihih


Mettere nel cestello della macchina del pane l’acqua tiepida e stemperare il lievito qualunque esso sia, aggiungere un po’ di farina e azionare la macchina a modalità impasta e lievita, quando si sarà formata una pastella liscia aggiungere lo strutto e il sale e piano piano tutta la farina.
Quando l’impasto è raddoppiato, staccare dei piccoli pezzi e allargarli con le mani bagnate, friggere in poco olio caldo, come se si volesse fare una frittata.
Passare le pizze su carta assorbente e condirle, io ho preferito una salsa veloce pomodoro fresco con basilico e aglio.

Commenti

  1. Bella ricetta...semplice e veloce...sicuramente da provare!

    RispondiElimina
  2. Saranno sicuramente ottime!!! L'idea dello strutto nell'impasto mi piace assai, gli darà quel tocco in più. Le debbo fare :-)

    RispondiElimina
  3. Ma sai che quasi quasi mi hai dato l'idea... lo provo pure io lo strutto nell'impasto della pizza!
    Grazie Teresì! Che bello vederti circolante!
    Un bacio :-)

    RispondiElimina
  4. buoneeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. finalmente ti sei decisa a tornare...
    ed alla grande...
    manco me ne ero accorta...è stato un caso...
    ciao piccoli'

    Enza

    RispondiElimina
  6. Enza sapessi come è bello leggerti io ci provo speriamo che duri........

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le Cammille

Le camille sono tanto caruccie, e buone,  ma basta sbagliare un ingrediente per avere un macigno papposoe appicicaticcio, dopo due giorni di esperimenti finalmente è nata "la camilla"

Pasticcini di frolla montata by Teresa Insero

I miei pasticcini di frolla montata. Avvertenze: creano grave dipendenza 😜! Sono super veloci e facili, ma ci fate un figurone! Nella ricetta vi scrivo qualche trucco per non far perdere la forma, e soprattutto per evitare quel sapore un po' eccessivo di burro .

Macaron

I Macaron un nome buffo che ha origine dai suoi creatori, maccheroni, Italia. Molti erroneamente pensano che siano francesi, e invece no, fu Caterina Dei Medici a far conoscere questa bontà ai francesi, che ne migliorarono l'aspetto, e ne fecero una vera e propria moda.
Si contano centinaia di volumi che trattano delle tecniche per realizzarli a doc, io stessa ne ho collezionato un po', ne posseggo uno che parla esclusivamente degli errori che si possono commettere nel farli.......alla fine ho capito che sono loro a scegliere se venire bene o male :D noi li possiamo solo corteggiare morbosamente :D. Ovviamente scherzo basta conoscere bene le proprie attrezzature e procedere con cura e precisione.
ecco la ricetta tratta dal volume Macaron Una tentazione irresistibile:

Per circa 40 macaron:
200 g di  mandorle o altra frutta secca 20 g di cacao 200 g di zucchero a velo (non fatelo voi in casa)50 g di acqua200 g di zucchero semolato2x75 g di albumi a temperatura ambiente. (Hermé …