Passa ai contenuti principali

Tronchetto di Natale


Ed ecco il tronchetto le foto sono orrende!!!Perché foto non sono, la mia piccola macchinetta si è gustata fa solo video quindi per pubblicare una foto devo estrarla dal video ahimè lo so è penoso ihihih


Il tronchetto l’ho fatto per l’amichetta di Giovanna che come lei adora la cioccolata.

Per il biscotto ho usato l’impasto della sacher di Gennarino con relativa glassa di Maria Letizia super collaudata ottima!!! OVVIAMENTE CON MIE MODOFICHE :D
Ingredienti per un tronchetto fatto in una teglia 27 per 36 cm


20 g di farina Molino auto lievitante
40 g di maizena
90 g di burro molto morbido
80 g di zucchero a velo
90 g di cioccolato fondente
30 g di farina di mandorle di cui tre amare (non aumentare la dose di mandorle)
4 tuorli
5 albumi
400 g confettura di albicocche

Per la glassa di Maria Letizia
Ingredienti:
200 g di cioccolato fondente
70 g di burro
2 cucchiai d’acqua

Esecuzione

Preriscaldate il forno a 170° C, fondere il cioccolato a bagnomaria e farlo intiepidire.
Nella planetaria montare il burro con lo zucchero, aggiungere i tuorli, uno alla volta, incorporate con delicatezza la cioccolata, ormai tiepida, (fate attenzione se usate la planetaria, mescolate prima con la spatola e poi azionate la macchina, altrimenti, la cioccolata si attacca alle pareti ), aggiungere le mandorle macinate.
Setacciare la farina , e sempre con la planetaria, mischiate bene, il composto.
Con una spatola, si uniscono gl’albumi, montati a neve.
Foderare la teglia e infornare a 170 °C fino a cottura meno di 15 minuti non far cuocere troppo!!!
Ancora caldo staccare dalla carta forno e adagiare il biscotto su un canovaccio e stendere uno strato facendolo assorbire bene dal biscotto di confettura.
Aiutandosi con il canovaccio avvolgere bene stretto nel senso più corto il rotolo, se si rompe non importa questo biscotto è fantastico perché morbidissimo, tenendolo stretto nel canovaccio si ripone nel congelatore un paio d’ore, dove la sua forma si compatterà bene.
Preparare la glassa facendo sciogliere gl’ingredienti a bagnomaria, mescolando di continuo, far intiepidire leggermente.
Quando il tronchetto sarà bene freddo dividerlo a formare i rami e aiutandosi con un cucchiaio far colare piano piano la glassa, che tende subito a rapprendersi,con uno stecchino formare le venature.

Decorare a piacere io ho usato pasta di zucchero formando funghetti ed erbetta.

Commenti

  1. Che bello Terè!!!!!!!!!!!! Uno per me ? Pure a me piace la cioccolata :-)

    RispondiElimina
  2. HAHA tu fai dei rotoli bellissimi pannosi buoni buoni....... grazie kiss

    RispondiElimina
  3. Il tuo blog mi piace tantissimo...e tu sei sempre più brava...complimenti!!!

    RispondiElimina
  4. Lezia grazie!!!troppo gentile sei

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sofficini fatti in casa

Facili, veloci buonissimi!!



PER 20 SOFFICINI

Ingeredienti sfoglia:
300 g di farina debole
 latte q.b

Panatura:
6 uova intere
pan grattato
sale, pepe q.b.

Farcia:
500 g ricotta
sale
pepe
prosciutto cotto
mozzarella fatta asciugare in frigo

Farcia rossa:
500 g di ragù congelato
200 g mozzarella asciugata in frigo.

Procedimento:
Impastare velocemente farina e latte formando un impasto elestico.


Stendere delle sfoglie sottilissime, e riporvi la farcia desiderata.




Il ragù deve essere congelato, altrimenti sarà impossibile gestire il sofficino.

Una volta farciti, tenerli in congelatore almeno 2 ore.



Impanarli con uova sbattute, sale, pepe, e pan grattato.

Friggere in olio bollente.
Possono essere fatti molte ore prima e poi riscaldati in forno.

Ravioli ricotta e melanzane

Si capisce che fare la pasta mi piace????

Credo di si :D ! Sono più di 25 anni che faccio pasta in casa un grande amore!
Mi rilassa tanto...... è una cosa semplice e facile

Sapete quanto costa qui un 1kg di ravioli freschi passabili?
12 euro o_° so tanti!

Se li facciamo in casa usando prodotti buoni e freschi spendiamo max 6 euro, e mangiamo un piatto ottimo.
Sull’origine delle paste alimentari si conosce ben poco, proprio questa incertezza ha dato vita a svariate leggende.
Alcuni archeologi credono di scorgere sulle pitture murali etrusche i gesti e gli utensili di chi sta preparando della pasta fresca, tipo lasagne o tagliatelle.
In epoca immediatamente successiva, invece, questo prodotto viene completamente dimenticato, per poi fare la sua ricomparsa in Cina nel I secolo d. C.
La forma della pasta è sostanzialmente l’espressione delle fantasie locali, il sapore è nato da infinite creazioni casalinghe, dall’impegno di ogni giorno applicato a quanto la terra aveva e ha da offrire: le verdu…

Pasticcini di frolla montata by Teresa Insero

I miei pasticcini di frolla montata. Avvertenze: creano grave dipendenza 😜! Sono super veloci e facili, ma ci fate un figurone! Nella ricetta vi scrivo qualche trucco per non far perdere la forma, e soprattutto per evitare quel sapore un po' eccessivo di burro .