Passa ai contenuti principali

Tronchetto di Natale


Ed ecco il tronchetto le foto sono orrende!!!Perché foto non sono, la mia piccola macchinetta si è gustata fa solo video quindi per pubblicare una foto devo estrarla dal video ahimè lo so è penoso ihihih


Il tronchetto l’ho fatto per l’amichetta di Giovanna che come lei adora la cioccolata.

Per il biscotto ho usato l’impasto della sacher di Gennarino con relativa glassa di Maria Letizia super collaudata ottima!!! OVVIAMENTE CON MIE MODOFICHE :D
Ingredienti per un tronchetto fatto in una teglia 27 per 36 cm


20 g di farina Molino auto lievitante
40 g di maizena
90 g di burro molto morbido
80 g di zucchero a velo
90 g di cioccolato fondente
30 g di farina di mandorle di cui tre amare (non aumentare la dose di mandorle)
4 tuorli
5 albumi
400 g confettura di albicocche

Per la glassa di Maria Letizia
Ingredienti:
200 g di cioccolato fondente
70 g di burro
2 cucchiai d’acqua

Esecuzione

Preriscaldate il forno a 170° C, fondere il cioccolato a bagnomaria e farlo intiepidire.
Nella planetaria montare il burro con lo zucchero, aggiungere i tuorli, uno alla volta, incorporate con delicatezza la cioccolata, ormai tiepida, (fate attenzione se usate la planetaria, mescolate prima con la spatola e poi azionate la macchina, altrimenti, la cioccolata si attacca alle pareti ), aggiungere le mandorle macinate.
Setacciare la farina , e sempre con la planetaria, mischiate bene, il composto.
Con una spatola, si uniscono gl’albumi, montati a neve.
Foderare la teglia e infornare a 170 °C fino a cottura meno di 15 minuti non far cuocere troppo!!!
Ancora caldo staccare dalla carta forno e adagiare il biscotto su un canovaccio e stendere uno strato facendolo assorbire bene dal biscotto di confettura.
Aiutandosi con il canovaccio avvolgere bene stretto nel senso più corto il rotolo, se si rompe non importa questo biscotto è fantastico perché morbidissimo, tenendolo stretto nel canovaccio si ripone nel congelatore un paio d’ore, dove la sua forma si compatterà bene.
Preparare la glassa facendo sciogliere gl’ingredienti a bagnomaria, mescolando di continuo, far intiepidire leggermente.
Quando il tronchetto sarà bene freddo dividerlo a formare i rami e aiutandosi con un cucchiaio far colare piano piano la glassa, che tende subito a rapprendersi,con uno stecchino formare le venature.

Decorare a piacere io ho usato pasta di zucchero formando funghetti ed erbetta.

Commenti

  1. Che bello Terè!!!!!!!!!!!! Uno per me ? Pure a me piace la cioccolata :-)

    RispondiElimina
  2. HAHA tu fai dei rotoli bellissimi pannosi buoni buoni....... grazie kiss

    RispondiElimina
  3. Il tuo blog mi piace tantissimo...e tu sei sempre più brava...complimenti!!!

    RispondiElimina
  4. Lezia grazie!!!troppo gentile sei

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le Cammille

Le camille sono tanto caruccie, e buone,  ma basta sbagliare un ingrediente per avere un macigno papposoe appicicaticcio, dopo due giorni di esperimenti finalmente è nata "la camilla"

Pasticcini di frolla montata by Teresa Insero

I miei pasticcini di frolla montata. Avvertenze: creano grave dipendenza 😜! Sono super veloci e facili, ma ci fate un figurone! Nella ricetta vi scrivo qualche trucco per non far perdere la forma, e soprattutto per evitare quel sapore un po' eccessivo di burro .

Macaron

I Macaron un nome buffo che ha origine dai suoi creatori, maccheroni, Italia. Molti erroneamente pensano che siano francesi, e invece no, fu Caterina Dei Medici a far conoscere questa bontà ai francesi, che ne migliorarono l'aspetto, e ne fecero una vera e propria moda.
Si contano centinaia di volumi che trattano delle tecniche per realizzarli a doc, io stessa ne ho collezionato un po', ne posseggo uno che parla esclusivamente degli errori che si possono commettere nel farli.......alla fine ho capito che sono loro a scegliere se venire bene o male :D noi li possiamo solo corteggiare morbosamente :D. Ovviamente scherzo basta conoscere bene le proprie attrezzature e procedere con cura e precisione.
ecco la ricetta tratta dal volume Macaron Una tentazione irresistibile:

Per circa 40 macaron:
200 g di  mandorle o altra frutta secca 20 g di cacao 200 g di zucchero a velo (non fatelo voi in casa)50 g di acqua200 g di zucchero semolato2x75 g di albumi a temperatura ambiente. (Hermé …