Passa ai contenuti principali

Guanti




I guanti sono dei dolci Natalizi tipici della Campania vengono regalati l’otto Dicembre a parenti e amici e non mancano mai alla Vigilia
Ingredienti:
3 cucchiai di strutto
2 bicchierini di vino
la scorza grattugiata di un limone
2 cucchiai di zucchero
4 uova intere
500 g di farina auto lievitante Molino Rossetto
Olio per friggere e tanto zucchero a velo
Mettere nella ciotola del Ken le uova con lo zucchero a velocità 2 aggiungere mescolando gli altri ingredienti, quando l’impasto sarà liscio e morbido.
Stendere l’impasto con la sfogliatrice “più è fine e meglio è “ dice la mia mamma!!! Fare 5 o 4 tagli su ogni rettangolo di pasta proprio a formare un guanto , friggere in olio caldo e scolare su carta da cucina.
Spolverare i guanti di zucchero a velo vanigliato quando sono ancora caldi.

Commenti

  1. Non conoscevo questi dolci della tradizione natalizia napoletana! Che bontà!
    Buon Natale Terè a te e ai tuoi cari :-)

    Un bacione!

    RispondiElimina
  2. Grazie Cara Olga tanti auguri anche a voi!!!..... i guanti fanno parte della tradizione più dell'entroterra campano, infatti Iris mi ha detto che da lei a Napoli non si fanno

    RispondiElimina
  3. Te li scopiazzo alla grande, Antonio li ama :-) A Napoli si fanno solo a carnevale e le chiamiamo chiacchiere, sarà un buon motivo per farle pure a Natale, mica possiamo ignorare le tradizioni noi???

    RispondiElimina
  4. IO CONOSCO UNA VERSIONE SALATA FATTA DALLA MIA NONNA, MA NON NE CONOSCO LA RICETTA. QUALCUNO MI PUO' DIRE COME SI PREPARANO I GUANTI SALE E PEPE?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le Cammille

Le camille sono tanto caruccie, e buone,  ma basta sbagliare un ingrediente per avere un macigno papposoe appicicaticcio, dopo due giorni di esperimenti finalmente è nata "la camilla"

Pasticcini di frolla montata by Teresa Insero

I miei pasticcini di frolla montata. Avvertenze: creano grave dipendenza 😜! Sono super veloci e facili, ma ci fate un figurone! Nella ricetta vi scrivo qualche trucco per non far perdere la forma, e soprattutto per evitare quel sapore un po' eccessivo di burro .

Macaron

I Macaron un nome buffo che ha origine dai suoi creatori, maccheroni, Italia. Molti erroneamente pensano che siano francesi, e invece no, fu Caterina Dei Medici a far conoscere questa bontà ai francesi, che ne migliorarono l'aspetto, e ne fecero una vera e propria moda.
Si contano centinaia di volumi che trattano delle tecniche per realizzarli a doc, io stessa ne ho collezionato un po', ne posseggo uno che parla esclusivamente degli errori che si possono commettere nel farli.......alla fine ho capito che sono loro a scegliere se venire bene o male :D noi li possiamo solo corteggiare morbosamente :D. Ovviamente scherzo basta conoscere bene le proprie attrezzature e procedere con cura e precisione.
ecco la ricetta tratta dal volume Macaron Una tentazione irresistibile:

Per circa 40 macaron:
200 g di  mandorle o altra frutta secca 20 g di cacao 200 g di zucchero a velo (non fatelo voi in casa)50 g di acqua200 g di zucchero semolato2x75 g di albumi a temperatura ambiente. (Hermé …