Passa ai contenuti principali

Madeleine





Le Maddalene hanno ispirato tantissimi poeti...... potrete capire la bontà di questo semplice dolcino, assaporandolo con del buon tè

___________________________________________________________________________



Ingredienti:

  •  110 g di zucchero zefiro
  •  150 g di farina 
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato 1/2 cucchiaino di cremor tartaro
  • 100 g di uova a pasta gialla
  •  100 g di burro da panna di centrifuga
  •  q.b di spezie cannella, vaniglia e buccia di un limone di giardino 
Procedimento:
 Fondere a bagnomaria il burro e lasciarlo intiepidire . In una ciotola, unire le uova, lo zucchero e le spezie; con una frusta elettrica montare il prodotto. Aggiungere al tutto, la farina setacciata e il burro fuso . Versare il prodotto ottenuto, in una sacca mono uso.  Far riposare il prodotto per un ora in congelatore.
Versare con la sacca, l'impasto in ogni conchiglia dell’apposito stampo per maddalene, quasi al margine.
 Infornare a 180°C finché il prodotto non avrà i bordi leggermente ambrati, circa 8 minuti .

Commenti

Post popolari in questo blog

Macaron

I Macaron un nome buffo che ha origine dai suoi creatori, maccheroni, Italia. Molti erroneamente pensano che siano francesi, e invece no, fu Caterina Dei Medici a far conoscere questa bontà ai francesi, che ne migliorarono l'aspetto, e ne fecero una vera e propria moda.
Si contano centinaia di volumi che trattano delle tecniche per realizzarli a doc, io stessa ne ho collezionato un po', ne posseggo uno che parla esclusivamente degli errori che si possono commettere nel farli.......alla fine ho capito che sono loro a scegliere se venire bene o male :D noi li possiamo solo corteggiare morbosamente :D. Ovviamente scherzo basta conoscere bene le proprie attrezzature e procedere con cura e precisione.
ecco la ricetta tratta dal volume Macaron Una tentazione irresistibile:

Per circa 40 macaron:
200 g di  mandorle o altra frutta secca 20 g di cacao 200 g di zucchero a velo (non fatelo voi in casa)50 g di acqua200 g di zucchero semolato2x75 g di albumi a temperatura ambiente. (Hermé …

Le Cammille

Le camille sono tanto caruccie, e buone,  ma basta sbagliare un ingrediente per avere un macigno papposoe appicicaticcio, dopo due giorni di esperimenti finalmente è nata "la camilla"

Crostata di frolla alla confettura di albicocche

Chiamarla frolla è riduttivo, ma questo è il nome che il Maestro Massari da a questa torta,e allora io devo dire che non ho mai veramente mangiato una frolla prima di questa ricetta. Pur avendola cotta bene, pur essendo friabile è una nuvola che si scioglie in bocca, grazie Maestro per queste sue opere che ci dona con infinità generosità.