Passa ai contenuti principali

Fiori di zucchero - Bauhinia




         Bauhinia
Dopo tanto freddo e cattivo tempo, aspettiamo con ansia la primavera, con i suoi mille colori e profumi, per festeggiarla vi voglio illustrare un po’ la tecnica dei fiori in gum paste o meglio detta Sugar Florist Paste.



I fiori in zucchero affascinano anche chi non ama la sugar art, perché effettivamente molto belli e realistici, basta un fiore realizzato a regola d’arte per decorare un uovo di Pasqua o una torta classica.

Sicuramente, di tutte le tecniche è senz’altro quella che richiede più attrezzatura specifica professionale, per ottenere risultati degni di ammirazione.

In questo tutorial vi darò la mia ricetta della Sugar Florist Paste e illustrerò un po’ l’attrezzatura.
Questo è un tutorial totalmente gratuito, se volete approfondire gli argomenti trattati potete acquistare i corsi a pagamento :

www.teresainserocakes.it/tutorial




Cosa ci serve:                      

·         Forbicine di Precisione

·         Taglierino doppia Rotella

·         Matterello Piccolo

·         Ball Tool

·         Veining Tool

·         Dresden Tool

·         Cell Pins Medio

·         Bisturi

·         Tronchesine

·         Pad

·         Tovaglietta Silicone

·         Spugna Ondulata

·         Carta Alluminio Rotolo

·         Pennelli Sintetici Piatti

·         Pennelli Sintetici Tondi

·         Guttaperca Verde

·         Amido Mais

·         Crisco

·         Sacchetti Per Amido Mais

·         Colorante In Polvere

·         Gomma Lacca

·         Wires Bianchi

·         Venatori Bauhinia purpurea (potete trovarlo qui )

·         Pasta Per Fiori.



Ricetta Teresa Insero per la Pasta per fiori. Gum paste

Ingredienti:

  • 2 g di gelatina in fogli
  • 20 g di acqua (bollita e raffreddata)
  • 30 g di glucosio
  • 500 g di zucchero a velo tipo Bridal o TateLyle (aggiungere altro zucchero o diminuirlo a seconda dell’umidità)
  • 35 g albume pastorizzato  ( si trova in brik al supermercato, onde evitare sprechi una volta acquistata la confezione si può razionare e congelare, all’accorrenza la sera prima va posto in frigo)
  • 1 cucchiaino di crisco
  • 15 g di CMC (non può essere sostituito con la gomma adragante)



Procedimento:



In acqua fredda far ammollare i fogli di gelatina per 15 minuti esatti.

Aggiungere, in un tegame di acciaio a fondo spesso, l’acqua il glucosio far intiepidire il composto facendo attenzione a non riscaldarlo troppo, incorporare la gelatina ben strizzata e farla sciogliere bene altrimenti rimarranno dei filamenti molto fastidiosi, la pasta darà dei pessimi risultati.

Setacciate più e più volte lo zucchero con il cmc, è importante usare uno dei due zuccheri, consigliati.

Mettere il tutto in una planetaria o in un robot a lame capiente non superando le dose di 500 g di zucchero per volta. Non è possibile usare robot a lama troppo piccolo perchè surriscalderebbe troppo la pasta rovinando la gelatina.

Aggiungere prima il composto con i liquidi e piano piano incorporare circa i ¾ dello zucchero.

Togliere lo zucchero dal robot, sporcarsi le mani con il crisco e impastare la pasta aggiungendo il resto dello zucchero, se la giornata è particolarmente umida, la pasta potrà richiedere più zucchero per ottenere la consistenza  più congeniale.

Formare con la pasta ottenuta un filoncino , dividerlo in tocchetti da 120 gr e avvolgerlo in pellicola e poi in sacchetti, conservarli in frigo fino ad utilizzo non superare mai i tre giorni.

Iniziamo a lavorare la pasta di gomma per fiori

 



001 E’  molto importante avere l’attrezzatura adatta per poter ottenere dei risultati interessanti. Anche se parte di questo materiale non è commestibile, è importante che sia materiale realizzato e destinato alla sugar art, poiché se così non fosse potremmo rischiare di contaminare la preparazione.

 

002-003

Fino a qualche anno fa esistevano pochissimi tipi di venatori, oggi grazie anche ad aziende di prestigio Italiane, possiamo scegliere fra tantissime specie di fiori e foglie.
Qui trovate il PETALO FOGLIA bauhinia.

Con un pennarello indelebile atossico, disegnare il perimetro interno del venatore, avendo cura di tenersi all’interno, almeno 4 millimetri.
 

004

È importante avere un buon piano di lavoro, che può essere in silicone come quello nella foto, o in resina.

Il piano va unto leggermente, con il crisco, un grasso vegetale americano, che non ingiallisce né irrancidisce anche se lasciato a temperatura ambiente.

Spolverare con amido di mais, è importante che i sacchetti usati vengano lavati ad ogni utilizzo, per evitare di  poter contaminare le nostre buone e belle torte.

La pasta deve essere stesa sottilmente , in commercio ci sono diversi tipi di matterelli, per poter creare un costone centrale, dove posizionare il  ferretto.

In commercio esistono varie marche di ferretti cioè di Wires, più o meno di qualità, a volte i peggiori tendono a scartarsi facilmente.

I Wires hanno una numerazione che parte dal numero 16, che è lo spessore più grande, al 35 lo spessore più piccolo.
 



005

Le sagome in acetato ci aiutano a creare petali e foglie ritagliando con una rotella la pasta, se si utilizza una superfice più dura, si avrà un taglio più preciso e netto.
 


006

Il Pad blu è una spugna con una consistenza più densa, dove vanno poggiati i petali per essere meglio modellati, è importante cospargere la spugna con dell’amido, per evitare che la pasta si possa attaccare.  Il ball tool,  fatto scorrere sui margini esterni di petali e foglie, assottiglia la pasta, in commercio sono più diffusi quelli in materiale plastico, ma tendono ad attaccarsi alla pasta, rispetto a quelli di metallo che scorrono più velocemente.

 


007/008

Il petalo così formato va posizionato con cura fra i venatori e va impressa una forte pressione, per imprimere la venatura.

 

009/010

Per rendere il petalo più realistico e armonioso, si imprimono altre venature laterali, con il veining tool dresden tool.
 

011

Una volta che è stata impressa la venatura sui i petali e sulle foglie è importante fare asciugare i petali su spugne ondulate, dove sarà possibile modellare ulteriormente la forma.


 

012/013

Se non si riuscisse a reperire questo tipo di spugna, si può utilizzare tranquillamente della carta argentata .


 


014 Mentre petali e foglie si asciugano bene, di solito in ambienti asciutti è necessario attendere almeno 12 ore. Si può sfruttare questo tempo per creare parti più piccole e dettagliate, come i pistilli, che non richiedono grandi tempi di asciugatura.

 


015. Dopo un’ora possono essere avvolti con della guttaperca.

 

016/017/18

Quando la pasta sarà completamente secca, si potrà procedere con la colorazione, prima partendo da colori chiari e poi con sfumature più scure.

Sono tantissime le marche di coloranti in polvere alimentari, è importante utilizzare una mascherina, mentre si usano, perché sono delle polveri fine che possono nuocere alla salute.

 

019

Per bloccare il colore e  proteggere il nostro lavoro, spruzzare il manufatto con della gomma lacca alimentare. La gomma lacca è un prodotto naturale che dona lucentezza e protegge la nostra composizione. Esistono vari prodotti per proteggere e sfumare il colore, ma senza dubbio la gomma lacca è quello più veloce.
 



020/021

Quando tutti i petali saranno asciutti procedere con il montaggio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le Cammille

Le camille sono tanto caruccie, e buone,  ma basta sbagliare un ingrediente per avere un macigno papposoe appicicaticcio, dopo due giorni di esperimenti finalmente è nata "la camilla"

Pasticcini di frolla montata by Teresa Insero

I miei pasticcini di frolla montata. Avvertenze: creano grave dipendenza 😜! Sono super veloci e facili, ma ci fate un figurone! Nella ricetta vi scrivo qualche trucco per non far perdere la forma, e soprattutto per evitare quel sapore un po' eccessivo di burro .

Éclair, i bigné alla francese

Gli Èclair, i bignè alla francese. Credo che molti conoscano la mia passione perversa per i bignè. Prove su prove alla ricerca della ricetta bilanciata, e fino a ieri, credevo che la mia ricerca fosse a buon punto. Nulla di più sbagliato. Ieri , un po’ stanca e un po’ distratta dal pensiero di altri esperimenti, ho riprodotto la ricetta del grande Maestro (il Maestro dei Maestri) Pierre Hermé, eeee….. sorpresa ho trovato ciò che cercavo da circa 20 anni, un bignè fragrante, che si gonfia ma mantiene la forma, che non necessita del passaggio in stufa a 40° per farlo asciugare……quindi si una magia che solo lui poteva fare. Eccovi la ricetta dal libro LE LAROUSSE DES DESSERTS ______________________________________________

Ingredienti per 13éclairs:
60 ml di acqua75 ml latte intero2 g sale3 g zucchero56 g burro di centrifuga75 g di farina debole3 o 2 uova piccole. Vi metto la foto di alcuni ingredienti

Preriscaldare il forno a 170 °C forno statico valvola chiusa (il forno deve essere ben c…