Passa ai contenuti principali

Pastiera di riso tipica del Sannio








La pastiera di riso ha origini antichissime precede quella di grano e succede quella di capellini,  la prima pastiera Campana era composta da un involucro di pasta simile a quella attuale riempito da pasta lessa , i capellini o spaghetti, misti a uova senza ricotta, successivamente furono sostituiti i capellini con il  riso e solo in tempi moderni si aggiunse la ricotta, arrivando infine al grano.

Della pastiera più antica ne hanno memoria solo le nostre nonne, sono state ormai dimenticate, ma si trova ancora qualche massaia che si dedica a quella di riso, indovinate chi è?! Anche quest’anno vi posto la ricetta….. senza non prima rompervi un po’ con le mie solite fisime hahaha

Non si rimane nel u’ruot’, è più alta di quella di grano, ben 7 centimetri, non vanno aggiunti canditi, né acqua di fiore d’arancio, ci va lo zucchero a velo, ma soprattutto non vi sono canoni severi!!!! Se vi piace più bassa o più alta, o con le strisce o senza strisce, nessuno vi potrà dire nulla, perchè questa è una ricetta, antichissima molto semplice, pochissime persone la fanno ancora, ricetta di persone rustiche è! Anche se assaggiandolo non si direbbe, perché tutti i sapori sono delicati eleganti un vero omaggio a chi ama i sapori semplici e naturali, si assapora, ancora tiepida, è divina.

Mi raccomando l’impasto non deve essere troppo sodo ma cremoso e deve essere subito cotto.




Ingredienti per due pastiere da 22 cm


Per il guscio
500 g di farina 
180 di strutto 4 uova
230 g di zucchero semolato


Procedimento:

Nella planetaria mettete le uova, lo strutto, lo zucchero e la scorza di due limoni grattugiata, fare lavorare poco e a bassa velocità, incorporare la farina setacciata e terminare brevemente la lavorazione, su una spianatoia.







Ingredienti farcia:


250 g di riso
900 g di latte intero fresco
buccia finissima di 2 limoni.
300 g di zucchero semolato
3 tuorli
1 uovo intero
500 g di ricotta molto soda











In una pentola capiente, far sobbollire il latte con la buccia di limone, aggiungere il riso, e mescolare con cura finche il tutto non diventerà una crema, ma il riso non deve scuocere.
Nella planetaria aggiungere la ricotta, che deve essere molto soda, le uova, lo zucchero, e il riso tiepido,( mi raccomando il riso non deve raffreddarsi completamente  altrimenti dovete buttare tutto deve rimanere cremoso) con le bucce tagliate piccolissime, mescolare piano a bassa velocità e brevemente.
Stendere una sfoglia sottilissima, e rivestire u’ ruot’, aggiungere la farcia e le strisce.
Infornare a 160° per un ora, si può servire ancora tiepida con abbondante zucchero a velo.



Commenti

  1. Mai assaggiata, mi piacerebbe è così invitante e deliziosa... peccato!!!...ciao

    RispondiElimina
  2. Mamma che buona terè, la passo ad un paio di amiche :-)

    RispondiElimina
  3. quee exquisito trozo,se ve muy rico y cremoso me gustaría probar,cariños.

    RispondiElimina
  4. Ho mangiato questo dolce anni addietro ed e' buonissimo mi segno la ricetta per farlo!!!Bravissima un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  5. ..prendo la ricetta!!!!
    Veramente molto invitante!!!!
    Bravissima e..a presto!!!!!

    RispondiElimina
  6. Anche io ne faccio alcune con il riso, perchè mio marito è celiaco e poi perchè mi piacciono molto. La tua ha un ottimo aspetto, quest'anno proverò a fare la tua, complimenti!

    RispondiElimina
  7. Teresa, sono emozionata, mi vuoi dire che posso gustare una pastiera pur essendo celiaca? Mi fai piangere! Grazie, non sai quanto abbia apprezzato la tua ricerca gastronomica e la tua ricetta. Pensi che per avere la stessa impressione del grano nella farcia della pastiera si potrebbe usare il riso integrale (biologico, naturalmente)? In Sicilia si fa un dolce, una crema di ricotta con dentro il grano bollito (cuccìa). Adoro questo dolce che si fa una volta l'anno, ma da tre anni mi è vietato. Ho sperimentato l'utilizzo del riso integrale come sostituto ed ho potuto verificare che è stata una piacevole sorpresa. Che dici, provo anche con questa ricetta, o è meglio il riso classico? Baci

    RispondiElimina
  8. Elena fai emozionare pure a me!!!! so troppo contenta di essereti stata utile non sai quanto! Credo che con il riso integrale venga pure meglio, ho scoperto da poco il riso integrale e lo trovo molto più saporito di quello classico, però aggiungerei un po' più di latte per non far asciugare troppo la crema..... un abbraccio forte forte Teresa

    RispondiElimina
  9. Ragazze/i grazie di esserci sempre un abbraccio!

    RispondiElimina
  10. io questa torta non l'ho nemmeno mai vista!! deve essere buonissima, mi piacciono tanto i dolci con il riso.
    Grazie di avermela fatta conoscere!

    RispondiElimina
  11. Bella variante , mai assaggiata mi segno la ricetta!
    bravissima come sempre un bacione Anna

    RispondiElimina
  12. Un gâteau qui me parait des plus délicieux.
    Avec ce qu'il y a dedans, il doit être très bon.
    A très bientôt.

    RispondiElimina
  13. Mamma mia che deliziosa che deve essere, purtroppo non l'ho mai assaggiata!:)
    Bacioni, Barbara

    RispondiElimina
  14. Non ho mai mangiato la pastiera, ma immagino sia buonissima. In questa foto è veramente divina! fa venire fameeee! assolutamente da provare :P complimentissimi! bacioni e buone palmeeeee!

    RispondiElimina
  15. Non la conoscevo, peccato perchè deve essere deliziosa.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  16. Anche mia nonna la faceva ma senza ricotta, vorrei provare a seguire la tua ricetta omettendo la ricotta, che ne pensi?

    RispondiElimina
  17. Ciao Concetta, questa ricetta è nata con la ricotta toglierla sbilancerebbe tutti gli ingredienti, dovresti fare delle prove per regolare le dosi

    RispondiElimina
  18. Lino Santagata (Argentina)5 settembre 2017 19:04

    MI porto la tua ricetta. Mia madre la preparava sempre per la Pasqua. Spero poter risentire quella dolcezza e sapore. Era della zona Sannitica.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le Cammille

Le camille sono tanto caruccie, e buone,  ma basta sbagliare un ingrediente per avere un macigno papposoe appicicaticcio, dopo due giorni di esperimenti finalmente è nata "la camilla"

Pasticcini di frolla montata by Teresa Insero

I miei pasticcini di frolla montata. Avvertenze: creano grave dipendenza 😜! Sono super veloci e facili, ma ci fate un figurone! Nella ricetta vi scrivo qualche trucco per non far perdere la forma, e soprattutto per evitare quel sapore un po' eccessivo di burro .

Éclair, i bigné alla francese

Gli Èclair, i bignè alla francese. Credo che molti conoscano la mia passione perversa per i bignè. Prove su prove alla ricerca della ricetta bilanciata, e fino a ieri, credevo che la mia ricerca fosse a buon punto. Nulla di più sbagliato. Ieri , un po’ stanca e un po’ distratta dal pensiero di altri esperimenti, ho riprodotto la ricetta del grande Maestro (il Maestro dei Maestri) Pierre Hermé, eeee….. sorpresa ho trovato ciò che cercavo da circa 20 anni, un bignè fragrante, che si gonfia ma mantiene la forma, che non necessita del passaggio in stufa a 40° per farlo asciugare……quindi si una magia che solo lui poteva fare. Eccovi la ricetta dal libro LE LAROUSSE DES DESSERTS ______________________________________________

Ingredienti per 13éclairs:
60 ml di acqua75 ml latte intero2 g sale3 g zucchero56 g burro di centrifuga75 g di farina debole3 o 2 uova piccole. Vi metto la foto di alcuni ingredienti

Preriscaldare il forno a 170 °C forno statico valvola chiusa (il forno deve essere ben c…