Passa ai contenuti principali

Il casatiello dolce


Si avvicina anche quest'anno la santa Pasqua e non può mancare il casatiello!




La triade che si conserva per Pasquetta!







E se fossimo deboli bisogna rafforzarsi un po'!!!








Nella mia casetta non può mancare il mio dolce preferito, il mio! Perché a casa mia non "scende" a nessuno, soprattutto al marito mio! San Giuliano come l’ha ribattezzato l’amica mia Iris, guarda Iris solo  per il fatto che non gli garba il casatiello perde l’aureola! Oh!  Il casatiello è sacro e non se tocca,  deve grattare in gola e si deve sentire sotto i denti! Ma è di un sapore unico, non paragonabile a nulla!!!
Come ogni anno, da che mi conoscete ve tocca !!!sorbirvi questa storia…….. ma altrimenti che Pasqua è? HAHAHAHA


L’aspetto di questo dolce Pasquale, è simile ai suoi creatori:
Intensamente ambrato, gioioso, con un’anima forte che si sente sotto i denti, quando lo hai apprezzato ti rimane per sempre nell’anima.

Il casatiello è il dolce dei ricordi, il dolce della famiglia.

Croce e delizia di ogni casa, sia nell’esecuzione che nella degustazione, si perché a seconda dello stato d’animo in cui si è conosciuto, si ama o si odia, il suo intenso profumo di limone e di anice, con quel leggero retrogusto di acido, rimane indelebile nella memoria.



Se sei donna e a casa tua i casatielli venivano: belli gonfi e profumati, il forno li cuoceva una meraviglia, li amerai e ti ricorderà la cara nonna amorevole; al contrario se a casa della nonna: i casatielli andavano di acido, non si gonfiavano, oppure in forno si abbassavano in mezzo (la nonna riempiva quel buco con un chilo di glassa) avrai un ricordo estremamente frustrante.
EEEEEEEEEEEE se sei uomo????
E'''''''''''CAMBIA TUTTO!
Entra in ballo MAMMA’! Gli venisse pesante, bruciato e con il buco in mezzo era quello di Mammà! Quindi il più bello!
Ogni volta che l’ assaggerai, il suo profumo di inebrierà di mille odori e ti farai cullare dai dolci ricordi dell’infanzia; e romperai l'anima a quella povera moglie tua! con la solita frase:  "quello che mi faceva mamma mia era un'altra cosa!" 


Il Casatiello è una cosa seria, serissima, costa fatica e tanto tempo, non ti importa degl’altri, è tutta una cosa personale, è una prova con se stessi, è consigliabile farlo da soli, onde evitare di riversare le proprie frustrazione sulla   compagna/o di lavoro:

Vi presento Maria e Tina (per gli amici) due cognate assai frustrate che da anni combattono la loro ardua battaglia


Maria si rivolge a Tina (in lingua indigena):

-Nunziati’ ah’ sbatut’ l’ove’ abbastanz?! ‘hamm fattict’ a basta assuficinz,?!è u’ criscit nun er pers?! QUE’ ma all’animacc toia ado’ amm sbagliat,! amma fa abbnric u’ furn!!!!!!!!!!!

Traduzione:
-Nunziata hai sbattuto le uova a sufficienza?! eee abbiamo lavorato a sufficienza la pasta?! eeee il criscito non era andato a male,?!mannaggia all’ anima tua! dove abbiamo sbagliato?! dobbiamo far benedire il forno!!!!!!!!

Gentilmente mooolto gentilmente Tina gli risponde:

-Ma pchè propr’ ah’ mia, Marì ma chè e fa beneric furn, nui c’amma fa abbnric, amma ittat 60 ove doi notte e nu iuorn e i casatiell so pesant comma te.

Innanzi tutto non ho capito perché proprio la mia anima, e poi Maria, che forno vuoi far benedire, ci dobbiamo far benedire noi, abbiamo buttato sessanta uova, due notti e un giorno, e i casatielli sono pesanti come a te!!!!!!!!.

Ribatte Maria:

-Que’ ma purtass iord Tìnu’?!!!

-Ma per caso sei tu che porti sfortuna (iorda), Tinù?!

Tina capisce tutto e spiega:

-No MARI’ si tu che sì brutt, e u casatiell nu’ cresce peché tene paur e tè, e num’ chiamà Tì cafò.

-No Maria sei tu che sei brutta, ma così brutta che i casatielli si sono rifiutati di crescere, e non chiamarmi Tinù cafona.






Ingredienti:

1100 gr di farina normale  Molino Rossetto ,100 gr di criscito, 400 gr zucchero semolato, 150 gr di strutto, 12 uova, la scorza grattugiata di due limoni, 2 bicchierini di anice.

Cos’è il CRISCITO, la storia è lunga come la preparazione del casatiello, cercherò di sintetizzarla.
Nei quartieri c’era un solo forno, doveva essere usato a turno, capitava di dover attendere anche 15 giorni ilproprio turno, sicuramente non c’era ne' il frigorifero ne' il lievito di birra, e come si faceva?
Quando si faceva il pane dall’impasto si staccava una piccola parte, si ricopriva con un tovagliolo, e si dava al vicino che dopo alcuni giorni tagliava la crosta che si era formata e con quella pasta fermentata acida (u’criscito) faceva il suo pane, e così via, non si usava rinfrescare il lievito, si temeva che il pane non crescesse.

1) La sera precedente alla cottura dei casatielli, pesare 100 g di criscito, 2 uova e 100 g di farina, impastare fino alla formazione di micro bollicine, coprirlo con pellicola,  copertina di lana, e farlo lievitare tutta la notte.



2) La mattina alle 9: riprendere l'impasto,  aggiungervi 1000 g di farina, 10 uova a pasta gialla sbattute a parte molto bene, 150 g di strutto, 400 g di zucchero,  limoni grattati e i due bicchierini di anice; lavorare per trenta minuti.

3)Dividete l’impasto ottenuto in un tegame  svasato  apposito  di 13 cm di altezza per 18cm  di larghezza alla base e 23 cm  l’apertura;  in un altro sempre svasato di altezza 11 cm per 16 alla base e 21 alla sommità. I tegami devono essere unti di strutto e non infarinati, la pasta deve raggiungere quasi la meta del tegame, mettere la pellicola e il panno di lana lasciare lievitare fino al raddoppio, se vedete che la crescita tende a fermarsi, vibrate leggermente il tegame, stimolerà la crescita, possono trascorrere anche 10 ore o più, la temperatura non deve mai superare i 20° onde avere un odore troppo intenso di acido.


4)Non preriscaldate il forno, altrimenti, il casatiello avrà un bel buco in mezzo, quindi ponete i casatielli nel forno, accendetelo ( il forno deve cuoce bene sia sopra che sotto) a 150° e terminate la cottura dopo 1 ora e mezza, è sempre bene controllare la cottura.
Fate raffreddare il casatiello, cospargerlo di glassa bianca e confettini colorati.

Commenti

  1. Non lo conoscevo....quindi grazie mille!!! Deve essere buonissimo...e quella glassa sopra è una meraviglia!!! Ciaoo

    RispondiElimina
  2. deve essere di una bontà unica!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Mio dio che goduria! bravissimaaaaa! questo post è incredibilmente goloso! complimentissimi! bacioni :*

    RispondiElimina
  4. Complimenti per tutto , mi hai fatto ridere, lo conosco me lo hanno fatto assaggiare troppo buono!!
    bravissima baci Anna

    RispondiElimina
  5. finalmente una nuova ricetta e di una cosa che cercavo da tempo!!! Te la rubo, bravissima!!!

    RispondiElimina
  6. grazie ragazze scusate la lunga assenza mi capitano questi momenti in cui non riesco a trovare un momento per me e mi faccio trascinare dagli eventi senza riuscire a reagire :(

    Giulia prendi prendi :D grazie

    RispondiElimina
  7. che bomba di bontà.. e la glassa lo rende ancora più appetitoso!

    RispondiElimina
  8. Teresa, ma è meraviglioso! Noi non conosciamo il casatiello dolce ma solo quello salato, ma abbiamo preso già appunti perchè ci piace veramente tantissimo, complimenti sei molto brava!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  9. Terè Giuliano per me Santo era e Santo resta ihihih anche se un po di santità l'ha persa con il casatiello, diciamo che anzichè avanzare di grado è tornato indietro di uno step !!!!

    Ora guarda come te lo dico, con tanta calma e serenità con il sorriso sulle labbra e gli occhioni verdi che sbattono luccicosi:
    A Pasqua ne VOGLIO, PRETENDO uno piccino piccino.
    Grazie :)
    Che aspetto perfetto che ha Terè sei a' Mast de casatiell'

    RispondiElimina
  10. Grazie Alda e Mirella!

    Iris HAHAHA ma tu gl'occhi non li tieni blu!!!!grazie!!!!!!

    RispondiElimina
  11. Mi piace leggere i tuoi post perché non sono normali ma sembrano racconti.
    Tutto ciò che sforni è davvero incantevole, io non riuscirò mai ad arrivare al tuo livello, manco nell'anticamera...

    Baci e spero che ora sia tutto passato.

    RispondiElimina
  12. se ve un dulce especial y muy rico,un dulce que inunda recuerdos de infancia,debe ser muy rico probarlo,cariños.

    RispondiElimina
  13. Che bella ricetta... buonissimo, complimenti anche per le foto, bravissima!

    RispondiElimina
  14. grazie tutte di cuore!
    Claudia tu sei tanto tanto brava ancora ricordo quel bellissimo dolce che hai portato a casa un paio di anni fa!!!!!!!!e sicuramente anche Enza e Iris!

    RispondiElimina
  15. Sto ancora ridendo, per fortuna dalle mie parti non si conosce il casatiello!!!
    Io poi conoscevo solo quello salto, questo è da provare, ormai sono curiosa!!!
    Buona serata

    RispondiElimina
  16. Nessuno ci crederà, ma io ho preteso a Luglio, ad un nostro pic nic, che Teresa me ne facesse uno: era
    S-P-E-T-T-A-C-O-L-A-R-E Buonissssssssssimo!!!

    RispondiElimina
  17. e questa è la cosa più bella che me potevi diiiiiiiii!!!!!!!!!grazieeeeeeeeeeee

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Éclair, i bigné alla francese

Gli Èclair, i bignè alla francese. Credo che molti conoscano la mia passione perversa per i bignè. Prove su prove alla ricerca della ricetta bilanciata, e fino a ieri, credevo che la mia ricerca fosse a buon punto. Nulla di più sbagliato. Ieri , un po’ stanca e un po’ distratta dal pensiero di altri esperimenti, ho riprodotto la ricetta del grande Maestro (il Maestro dei Maestri) Pierre Hermé, eeee….. sorpresa ho trovato ciò che cercavo da circa 20 anni, un bignè fragrante, che si gonfia ma mantiene la forma, che non necessita del passaggio in stufa a 40° per farlo asciugare……quindi si una magia che solo lui poteva fare. Eccovi la ricetta dal libro LE LAROUSSE DES DESSERTS ______________________________________________

Ingredienti per 13éclairs:
60 ml di acqua75 ml latte intero2 g sale3 g zucchero56 g burro di centrifuga75 g di farina debole3 o 2 uova piccole. Vi metto la foto di alcuni ingredienti

Preriscaldare il forno a 170 °C forno statico valvola chiusa (il forno deve essere ben c…

Cupcakes dal cappello alto

Cupcake dal cappello alto, è un dolcino estremamente scenografico, ma anche molto buono, nonostante sia una "ricetta americana" ha il sapore dei dolci delle nostre nonne.
 Passiamo subito alla ricetta, che io ho preso qui, ovviamente ho fatto le mie modifiche, sempre rispettando il carattere goloso del dolcino.

 Ingredienti per 11 cupcakes: (il 12° è molto piccolo)

125 g farina debole per dolci tipo mulino bianco
25g di polvere orzo-caffe solubili
1 cucchiaino di bicarbonato e cremor tartaro (in parte uguali)
40 g di burro fuso (bavarese)
40 g di olio di oliva delicato
170 g zucchero (di cui 50 grammi di zucchero di canna grezzo integrale)
80 ml di latte fresco intero
2 uova medie
50 g di scaglie di cioccolato (opzionali)
1 cucchiaino di essenza di vaniglia o polpa di bacca 

Procedimento muffins

Preriscaldare il forno a 170° C statico.
Foderare con pirottini per cupcakes la teglia da muffin.
Setacciare insieme il lievito naturale e la farina, nella ciotola della planetaria.

Le girelle