Passa ai contenuti principali

Funghi di meringa

Sono una coccola..........
E' una ricetta estremamente semplice ma che adorano i bambini e i ragazzi, ricordano molto i negrettini quei dolcetti ricoperti di uno strato di cioccolato.
Non si sente assolutamente il sapore nè l'odore di uova.



Ingredienti:
100 g albumi
190 g di zucchero semolato
polpa di vaniglia o essenza (purtroppo non possiamo usare il concentrato di vaniglia)

Procedimento:
  • Mettere su un fuoco medio una pentola d'acqua per bagnomaria.
  • Nella ciotola della planetaria, deporre gli albumi.
  • sbattere gli albumi con una frusta a mano.
  • Aggiungere lo zucchero e battere ancora il composto, ponendo la ciotola a bagnomaria.
  • l'acqua del bagnomaria non deve bollire assolutamente.
  • continuare a mescolare e portare alla temperatura di 80°C (la letteratura gastronomica è molto dibattuta in merito, molti preferiscono non spingersi oltre i 50 °, ma  indico la temperatura di 80° perché è quella che uso  per le preparazioni riservate alla mia famiglia e alle mie allieve durante i corsi).
  • Togliere la ciotola dal bagnomaria e inserirla nella planetaria, montare la meringa con il gancio a frusta finché non è completamente tiepida e ferma, aggiungere l'essenza di vaniglia.
  • Travasare la meringa Svizzera nella tasca da pasticceria con una bocchetta liscia da 1 cm
  • Disporre su di una placca con carta forno dei ciuffi di meringa che saranno i fusti del fungo
  • Formare altrettanti  ciuffi che saranno i cappelli.
  • Infornare a forno statico preriscaldato a 80 °C (inserite la sonda del termometro nel forno per verificare la temperatura corretta) per 30 minuti.
  • Estrarre la placca dal forno e forare i cappelli con la punta di un coltello.
  • Infilzare ogni cappello al suo stelo formando i funghi.
  • Infornare a 80°C per 60 minuti, il cuore dovrebbe rimanere un po' morbido se dovete conservarli per alcuni giorni è preferibile far asciugare totalmente la meringa con una cottura di almeno 80 minuti.
  • Si conservano bene in scatole di latta in credenza.
  • Si possono spolverizzare con cacao amaro. (se le volete conservare in scatola è il caso di spolverizzarle prima della cottura così che il cacao rimanga attaccato)

Commenti

Post popolari in questo blog

Crostata di frolla alla confettura di albicocche

Chiamarla frolla è riduttivo, ma questo è il nome che il Maestro Massari da a questa torta,e allora io devo dire che non ho mai veramente mangiato una frolla prima di questa ricetta. Pur avendola cotta bene, pur essendo friabile è una nuvola che si scioglie in bocca, grazie Maestro per queste sue opere che ci dona con infinità generosità.

Fiocchi di Neve Brioche

HE' Poppella che inventò.
Si sa, la genialità risiede nella semplicità.
Una piccola nuvola di brioche con un cuore cremoso di ricotta e panna. Dopo aver assaggiato "il fiocco di neve", questo è il nome di tale delizia, si avrà un nuovo dolce preferito.
Per i poveri sfortunati, che di rado visitano la città più bella del mondo, Napoli, ecco la versione da fare a casa. Ovviamente è una mia versione, Poppella non darà mai la sua ricetta.......
(in foto sembrano molto grandi, in realtà dovrebbero essere dei bottoncini, ma il caldo si sà fa lievitare troppo...)

Pasticcini di frolla montata by Teresa Insero

I miei pasticcini di frolla montata. Avvertenze: creano grave dipendenza 😜! Sono super veloci e facili, ma ci fate un figurone! Nella ricetta vi scrivo qualche trucco per non far perdere la forma, e soprattutto per evitare quel sapore un po' eccessivo di burro .