Passa ai contenuti principali

I cornetti sfogliati






L’immagine non rende la morbidezza e  la fragranza di questa bontà, la ricetta non è mia ma di Rossana di Gennarino, con gli anni l’ho modificata in parte, e vi metto la mia versione.

Non sono affatto difficili da fare, anzi, è più difficile scrivere la ricetta che farli, non è necessario essere panificatori esperti, ma solo un po’ precisi nelle dosi e nella scelta degli ingredienti.

E’ importante scegliere le giuste farine di forza, un buon burro saporito e le  essenze che più vi piacciono, quindi nulla di così difficile.
Vi avverto però, creano dipendenza, quindi abbiate l’accortezza di non mangiarli tutti, ma congelateli, per tirarli fuori la sera prima e farli lievitare tutta la notte a forno spento, la mattina farete una colazione da Re.
p.s. non vi fate spaventare dalla piegatura, fatta la prima volta vi galbanizzerete!!




Ingredienti:

Impasto
  • 15 gr. di lievito di birra (quello del lidl va bene) 
  • 320 gr. di acqua tiepida 
  • 15 g di miele bio  
  • 115 gr. di burro a temperatura ambiente (burro da panna di centrifuga, lo trovate all’md, lidel o eurospin, con la denominazione bavarese, burro tedesco....lo chef che comandava la cucina dove sono cresciuta, usava la foglia d'oro per sfoglia, ma è difficile da trovare) 
  • 75 gr. di zucchero (qui se siete già un po’ esperte potete sbizzarrirvi con i vari zuccheri di canna, ma abbiate l’accortezza di polverizzarli) 
  • 2 uova
    325 gr. di farina w 350 
  • 325 gr. di farina manitoba W 410/450 (io odio la manitoba ne uso pochissima, soprattutto così forte, ma questa ricetta è fondamentale usarla, o il prodotto collassa non regge una lievitazione così lunga e pesante)
  • 5 gr. di sale rosa o fior di sale

Panetto per sfogliare
  • 250 gr. di burro freddo (ho ridotto molto la dose del burro, trovo che si senti troppo aumentando la dose)
  • 125 gr. di farina w350

Per lucidare
  • 1 cucchiaio di miele
  • 1 cucchiaio di latte


Lavorazione

Ore 19,00
Versare l’acqua nell’impastatrice, aggiungere il lievito, il miele le essenze, azionare la macchina, alla minima velocità con gancio a scudo.
Unire lo zucchero, il burro tagliato a pezzetti e le uova .
Setacciare le farine con il sale e unire lentamente al composto liquido nella planetaria, aumentare la velocità della macchina.
Lavorare l’impasto velocemente,  dovrà risultare appiccicoso e mollo. Trasferire l’impasto su una spianatoia infarinata, lavorarlo velocemente non più di un minuto, rendendolo liscio e sodo, spolverizzandolo di farina mentre si lavora velocemente.

Ore 19,20
 Riporre  in frigo l’impasto, formando una liscia sfera, in una ciotola leggermente imburrata e coperta con la pellicola.


Ore 7,00
Del mattino seguente, formare il panetto che servirà per la sfogliatura. Tagliare a pezzetti il burro e unirlo alla farina, nella ciotola della planetaria con gancio a frusta, per ottenere un miscuglio omogeneo. Formare un panetto e conservarlo in frigo in un sacchetto per circa 2 ore.

Ore 9,00
 Recuperare il panetto di burro e farina, stenderlo su un piano infarinato, per formare un rettangolo 28cm x 32cm (guardate le immagini di Rossella lo spiega molto bene). Inserire il rettangolo in un sacchetto e lasciare riposare in frigo almeno un ora.

Ore 10,00 Sfogliatura
Adagiare l’impasto lievitato su un piano infarinato, e stenderlo in una sfoglia rettangolare 51 cm per 30 cm, dello spessore di circa mezzo centimetro (le misure vi serviranno la prima volta poi farete tutto ad occhio). Adagiare il rettangolo di burro sulla parte inferiore della pasta lievitata, lasciando un po’ di spazio ai margini(servirà per non far uscire il burro). E iniziate le pieghe, se non le avete mai fatte guardate lo schema di Rossella, (ognuno di noi personalizza un po' le pieghe....)
Eseguire 6 pieghe, fra una piega e l’altra riporre in frigo almeno 15 minuti.

Ore 12,00

Dividere l’impasto in due metà e ricavare due sfoglie rettangolare 65cm x 10 cm. Con una rotella taglia pasta tagliare 10 rettangoli. Ogni rettangolo deve essere arrotolato su se stesso delicatamente e con cura.

Riporre i cornetti ottenuti in una teglia coperta con pellicola e farli lievitare fino al raddoppio, (se si vogliono conservare, vanno congelati appena formati, in contenitori ermetici)
Preriscaldare il forno a 190 ° C.

Spennellare i cornetti con la miscela miele e latte, se siete golosi anche con un po’ di zucchero di canna.

Lasciar cuocere fino a doratura, circa 20 minuti.

Servire ancora caldi con una spolverata di zucchero a miele.


Commenti

Post popolari in questo blog

Sofficini fatti in casa

Facili, veloci buonissimi!!



PER 20 SOFFICINI

Ingeredienti sfoglia:
300 g di farina debole
 latte q.b

Panatura:
6 uova intere
pan grattato
sale, pepe q.b.

Farcia:
500 g ricotta
sale
pepe
prosciutto cotto
mozzarella fatta asciugare in frigo

Farcia rossa:
500 g di ragù congelato
200 g mozzarella asciugata in frigo.

Procedimento:
Impastare velocemente farina e latte formando un impasto elestico.


Stendere delle sfoglie sottilissime, e riporvi la farcia desiderata.




Il ragù deve essere congelato, altrimenti sarà impossibile gestire il sofficino.

Una volta farciti, tenerli in congelatore almeno 2 ore.



Impanarli con uova sbattute, sale, pepe, e pan grattato.

Friggere in olio bollente.
Possono essere fatti molte ore prima e poi riscaldati in forno.

Crostata di frolla alla confettura di albicocche

Chiamarla frolla è riduttivo, ma questo è il nome che il Maestro Massari da a questa torta,e allora io devo dire che non ho mai veramente mangiato una frolla prima di questa ricetta. Pur avendola cotta bene, pur essendo friabile è una nuvola che si scioglie in bocca, grazie Maestro per queste sue opere che ci dona con infinità generosità.

Ravioli ricotta e melanzane

Si capisce che fare la pasta mi piace????

Credo di si :D ! Sono più di 25 anni che faccio pasta in casa un grande amore!
Mi rilassa tanto...... è una cosa semplice e facile

Sapete quanto costa qui un 1kg di ravioli freschi passabili?
12 euro o_° so tanti!

Se li facciamo in casa usando prodotti buoni e freschi spendiamo max 6 euro, e mangiamo un piatto ottimo.
Sull’origine delle paste alimentari si conosce ben poco, proprio questa incertezza ha dato vita a svariate leggende.
Alcuni archeologi credono di scorgere sulle pitture murali etrusche i gesti e gli utensili di chi sta preparando della pasta fresca, tipo lasagne o tagliatelle.
In epoca immediatamente successiva, invece, questo prodotto viene completamente dimenticato, per poi fare la sua ricomparsa in Cina nel I secolo d. C.
La forma della pasta è sostanzialmente l’espressione delle fantasie locali, il sapore è nato da infinite creazioni casalinghe, dall’impegno di ogni giorno applicato a quanto la terra aveva e ha da offrire: le verdu…