Passa ai contenuti principali

Conserva di pomodoro San Marzano.





 Conserva antica, ottima per condire la pizza alta e sughi veloci.


Tagliare in 4, di lungo i  pomodori San Marzano e, disporli in ampli contenitori per spolverizzarli con il sale.

Io preferisco non aggiungere il sale, perché trovo che esalti troppo la nota acida di questa qualità di pomodori.

Bollire dei barattoli in vetro per conserva, più la bocca dei contenitori sarà larga più l’operazione sarà semplice.

Adagiare delicatamente i filetti di pomodoro salati nel barattolo, aggiungere di tanto in tanto una foglia di basilico, pressare delicatamente e riempire fino all’orlo.

Mettere sul fondo di una capiente pentola, un pezzo di cartone, adagiarvi i barattoli ben distanziati, l’uno dall’altro. Porre fra i barattoli dei canovacci. Riempire la pentola di acqua calda fino a coprire i barattoli.

Portare a bollare e proseguire la cottura per circa un’ora.

Quando  le conserve saranno ancora calde estrarle dall’acqua e avvolgerle in canovacci fino a raffreddamento. Conservarle in luogo fresco e asciutto.

È un procedimento che si può fare tranquillamente in cucina, prima si usava farlo in cantine, dove se ne producevano centinaia, ora che tutto si è ridimensionato alle nostre piccole famiglie,  la conserva di pomodori, viene fatta tranquillamente nelle piccole pentole di casa, debbo aggiungere con mia somma gioia, ho ricordi d’infanzia orrendi legati a queste conserve, si perché venivamo sempre coinvolti in giornate interminabili, i grandi sembravano divertirsi tanto, ma noi piccoli eravamo già stanchi alla prima bottiglia!!!! E’ si prima si usavano le famose bottiglie ……………………………….


I nostri nonni dicevano che per riconoscere un vero pomodoro San Marzano verace dovevamo vedere se avevano il "pizzo" ........la punta finale, oltre a questo dovevamo vedere su che terra veniva coltivata, le colture che si trovavano vicino, che poi ne avrebbero dederminato il gusto. Ovviamente allora era un grande investimento, perchè se ne compravano i quintali.......
per saperne un po' di più di questo grande prodotto dop
http://it.wikipedia.org/wiki/Pomodoro_di_San_Marzano_dell%27agro_sarnese-nocerino

Commenti

Post popolari in questo blog

Le Cammille

Le camille sono tanto caruccie, e buone,  ma basta sbagliare un ingrediente per avere un macigno papposoe appicicaticcio, dopo due giorni di esperimenti finalmente è nata "la camilla"

Pasticcini di frolla montata by Teresa Insero

I miei pasticcini di frolla montata. Avvertenze: creano grave dipendenza 😜! Sono super veloci e facili, ma ci fate un figurone! Nella ricetta vi scrivo qualche trucco per non far perdere la forma, e soprattutto per evitare quel sapore un po' eccessivo di burro .

Macaron

I Macaron un nome buffo che ha origine dai suoi creatori, maccheroni, Italia. Molti erroneamente pensano che siano francesi, e invece no, fu Caterina Dei Medici a far conoscere questa bontà ai francesi, che ne migliorarono l'aspetto, e ne fecero una vera e propria moda.
Si contano centinaia di volumi che trattano delle tecniche per realizzarli a doc, io stessa ne ho collezionato un po', ne posseggo uno che parla esclusivamente degli errori che si possono commettere nel farli.......alla fine ho capito che sono loro a scegliere se venire bene o male :D noi li possiamo solo corteggiare morbosamente :D. Ovviamente scherzo basta conoscere bene le proprie attrezzature e procedere con cura e precisione.
ecco la ricetta tratta dal volume Macaron Una tentazione irresistibile:

Per circa 40 macaron:
200 g di  mandorle o altra frutta secca 20 g di cacao 200 g di zucchero a velo (non fatelo voi in casa)50 g di acqua200 g di zucchero semolato2x75 g di albumi a temperatura ambiente. (Hermé …