Passa ai contenuti principali

Crostata di frolla alla confettura di albicocche



Chiamarla frolla è riduttivo, ma questo è il nome che il Maestro Massari da a questa torta,  e allora io devo dire che non ho mai veramente mangiato una frolla prima di questa ricetta.
Pur avendola cotta bene, pur essendo friabile è una nuvola che si scioglie in bocca, grazie Maestro per queste sue opere che ci dona con infinità generosità.



Crostata di frolla alla confettura di albicocche, del Maestro Massari dal libro The Sweetman
Per una crostata 20x20cm
Ingredienti:
  • 170g di burro di panna ci centrifuga.
  • 100 g di zucchero a velo
  • 20 g di miele di acacia
  • La scorza grattugiata di mezzo limone
  • Polpa di vaniglia Tahiti
  • 40 g di tuorli
  • 2 g di lievito in polvere
  • 250 g di farina debole (molino bianco)
  • 300 g di confettura.
  • 1g sale.
Procedimento
Lavorare brevemente con il gancio a scudo, il burro morbido, lo zucchero il miele e gli aromi.
Aggiungere il sale e i tuorli.
Incorporare la farina setacciata con il lievito.
Stendere l’impasto fra due fogli di carte forno (spessore 5 mm)
Conservare in frigo una notte.
Ritagliare la base della crostata e adagiare la pasta frolla nello stampo (vi consiglio gli stampi con il fondo mobile della Decora non è un mio sponsor, acquisto i loro prodotti, sono validi e li consiglio)
Bucherellare la sfoglia.
Formare il bordo perimetrale
Adagiare con cura la confettura e decorare con delle strisce di pasta
Cuocere a 180 °C per 25 minuti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ravioli ricotta e melanzane

Si capisce che fare la pasta mi piace????

Credo di si :D ! Sono più di 25 anni che faccio pasta in casa un grande amore!
Mi rilassa tanto...... è una cosa semplice e facile

Sapete quanto costa qui un 1kg di ravioli freschi passabili?
12 euro o_° so tanti!

Se li facciamo in casa usando prodotti buoni e freschi spendiamo max 6 euro, e mangiamo un piatto ottimo.
Sull’origine delle paste alimentari si conosce ben poco, proprio questa incertezza ha dato vita a svariate leggende.
Alcuni archeologi credono di scorgere sulle pitture murali etrusche i gesti e gli utensili di chi sta preparando della pasta fresca, tipo lasagne o tagliatelle.
In epoca immediatamente successiva, invece, questo prodotto viene completamente dimenticato, per poi fare la sua ricomparsa in Cina nel I secolo d. C.
La forma della pasta è sostanzialmente l’espressione delle fantasie locali, il sapore è nato da infinite creazioni casalinghe, dall’impegno di ogni giorno applicato a quanto la terra aveva e ha da offrire: le verdu…

Fiocchi di Neve Brioche

HE' Poppella che inventò.
Si sa, la genialità risiede nella semplicità.
Una piccola nuvola di brioche con un cuore cremoso di ricotta e panna. Dopo aver assaggiato "il fiocco di neve", questo è il nome di tale delizia, si avrà un nuovo dolce preferito.
Per i poveri sfortunati, che di rado visitano la città più bella del mondo, Napoli, ecco la versione da fare a casa. Ovviamente è una mia versione, Poppella non darà mai la sua ricetta.......
(in foto sembrano molto grandi, in realtà dovrebbero essere dei bottoncini, ma il caldo si sà fa lievitare troppo...)