giovedì 10 marzo 2011

I cuori bieta e ricotta










Questi giorni sono un po’ strani e frenetici stò preparando una torta per un concorso dopo vi metto qualche fotina per vedere se stò procedendo bene, intanto vi do la ricettina veloce che mi ha stupito per la sua bontà.
La pasta è il formato speciale "i Sei Cuori della La fabbrica di Gragnano", questa pasta supera ogni aspettativa, anche la mia! Ha una cottura incredibilmente veloce solo 8 minuti, ed è cotta fuori come dentro, non rimane quel cordone all’interno! Altra cosa che mi ha lasciato di stucco, è che cuocendola non perde la forma: è si ero convinta che questa pasta si potesse solo fare al forno e così non è!


Ingredienti:
700 G di solo foglie di biete pesate crude
300 g di ricotta
Un pugnetto di pinoli
Uva passa
Un cucchiaio di crema di noci della Cascina San Cassiano
Pancetta
Agno
Pepe
Sale
100 g provola affumicata
100 g parmigiano
Un cucchiaio di burro alla salvia  della Cascina San Cassiano


Scottare le foglie ed aggiungerle in un tegame dove si è soffritto: il guanciale tagliato fine,  i pinoli, l’uva passa e l’aglio; prolungare per qualche minuto la cottura ed aggiungere: la crema di noci, il pepe e il sale.
Passare tutto al mix aggiungendo l’uovo e il parmigiano, la crema deve risultare poco densa, molto cremosa.
In una capiente pentola portare l’acqua ad ebollizione e salare, gettare i cuori e cuocerli per poco meno di 8 minuti.
Ungere un tegame da forno con il burro di salvia San Cassiano e con cura adagiarvi i cuori appena scolati con una schiumarola; farcirli prima con un po’ di provola per farli mantenere bene aperti, e poi aiutandosi con una tasca da pasticceria farcirli con la crema ricotta e bieta.
Passare il tegame al grill per qualche minuto al forno per far fondere la provola e per far formare una gradevole crosticina alla crema.
Adagiare i cuori caldissimi in un piatto da portata, quelli della foto sono i bellissimi piatti del Laboratorio Pesaro   che offre a me e a voi, un codice sconto del 15% valido fino al 15 marzo e per tutte le linee prodotto disponibili sul loro sito.   Il codice è: Ilovefoodblogging
I piatti come tutti i prodotti di questa azienda sono eco-logici sia per le materie prime utilizzate che per l'attenzione all'uso delle risorse naturali in ogni fase della realizzazione e della gestione logistica. Sono prodotti artigianali, non industriali, esclusivi e di immediata riconoscibilità del loro valore intrinseco. Prodotti in Italia nel rispetto di tutte le normative vigenti in tema di contratti di lavoro, sicurezza ed igienicità. Nessuno degli oggetti che troviamo nel loro negozio è prodotto all'estero. Zomma è un prodotto che è bello avere nella propria casa o anche da regalare.

giovedì 3 marzo 2011

Pappardelle al Sugo di Cinghiale






Dovete sapere che la mia casa si trova a pochi metri (non chilometri, ma metri!) da un bosco, fino a qualche anno fa mi capitava di trovarmi puntualmente un tasso o un bel riccio davanti casa, e per fortuna nulla di più grosso,di più lungo sicuramente, tanti serpenti!

La montagna fino a qualche tempo fa, prima che arrivassero i cacciatori della domenica, era abitata da molti cinghiali, non di quelli grossi, ma quelli piccolini tanto carucci che corrono come saette!


Ogni anno qui c'è la sagra dove si vendono le prelibate carni di questi cinghiali; ma puntualmente non ci vado, perché capita sempre un “guaio”! E così da due anni faccio la corte al macellaio, che con riluttanza, mi cede circa due kg del suo adorato cinghiale. Come il mio macellaio, molte persone, hanno del terreno proprio in questa montagna, e vi allevano i cinghiali quasi allo stato brado, ottenendo una carne con un aroma meno pronunciato di selvaggina, ma comunque molto molto saporita, e tenera.


Ed è per questo che la mia ricetta non prevede una marinatura di 24 ore, che smorzerebbe gli odori pronunciati ,bensì solo qualche ora, dopo una frollatura di alcuni giorni, che rende la carne ancora più sapida e tenera.

mercoledì 2 marzo 2011

Mimose


Pensate per la festa della donna, come molte non credo in questa festa però ci da un ottimo motivo per preparare un dolcino più carino, si perché dovete sapere che in casa mia è un impresa preparare un dolce per noi, diciamo che non amano i fronzoli,  nel senso che se vedono che stò preparando inizia una cantilena paragonabile solo al tragitto di Shrek  che va con Ciucchino nella citta di moltomoltolontano “ e’ pronto? E’ pronto? UNO STRESS!! Dopo vari litigi per non fargli pappare il pds sono riuscita anche a metterci la crema e acconcarli haha!

Ingredienti per il Pan di Spagna:

6 uova intere
180 g di zucchero extrafine
180 g di farina (di cui 80 g di farina Molino Rossetto , 60 g amido di mais, 40 g farina di mandorle)
Buccia grattugiata di un limone

Procedimento per il Pan di Spagna:

Montare le uova con lo zucchero e la buccia di limone, nella ciotola della planetaria, finché il composto non “scrive” circa 15 minuti.
Incorporare delicatamente le farine, senza smontare il composto.
Usando un cucchiaio dividere il composto in 24 pirottini della Guardini, circa due cucchiai per pirottino.
Infornare in forno statico preriscaldato a 170° C per circa 15 minuti.



Ingredienti bagna alcolica

80 gr acqua
80 gr zucchero
25 gr limoncello

Procedimento bagna

In un pentolino miscelare lo zucchero con l’acqua, portare ad ebollizione, continuando la cottura per alcuni minuti.
Aggiungere allo sciroppo freddo, il limoncello

Crema pasticcera:

400 g di latte intero
200 g di panna liquida
8 tuorli
130 g di zucchero
35 g di amido di mais

La buccia di un limone non trattato.
Procedimento crema pasticcera:
Portare a leggero bollore il latte e la panna, lasciando in infusione la buccia di un limone, e una volta tiepido incorporare lo zucchero.
Battere i tuorli con l’amido e aggiungere il latte a filo.
Portare su fiamma moderata ad addensamento; travasare in pirofila e coprire a contatto, con carta forno e conservare al fresco.
Aggiungere il limoncello quando la crema è completamente fredda.

Assemblaggio dolce

Bagnare i pds con la bagna al limoncello, aggiungere la crema , e ricoprire con dadini di pan di spagna ricavati sacrificando qualche pirottino di pan di spagna.
Irrorare le mimose on la bagna al limoncello, conservare in frigo
 

Pasticci e Capricci Template by Ipietoon Cute Blog Design and Homestay Bukit Gambang

Blogger Templates