lunedì 21 febbraio 2011

Video per i ravioli rucola e ricotta




Non mi uccidete: altri ravioli, mio marito è sardo ed è fissato lui e i ravioli, io cerco di cambiare la farcia ma sempre ravioli sono, però oh non avanzano mai, e poi veramente ci vogliono pochi minuti.
Vi lascio due video, il primo per fare la sfoglia il secondo per i ravioli.



Utensili :
  1. Sfogliatrice macchina per pasta Atlas 150 colore Rosso (rossa è bellissima! si capisce  perché questa macchina è stata paragonata ad una Ferrari, ha caratteristiche e dettegli tecnici studiati per favorire un ottimo risultato in pochissimo tempo 1 kg e 200 di ravioli in 25 minuti)
  2. Accessorio pastabike ci permette di stabilire noi l’esatta grandezza dei ravioli, se vogliamo fare i “piccolini” basta far scivolare i dischi sul perno scanalato togliendo facilmente la forcella in policarbonato per alimenti!, un elemento solido come quelli di una volta, ma con la migliore tecnologia attuale.
  3. Coppapasta Guardini a forma di cuore, molto solido pratico se voliamo velocizzare ancor più i tempi, ed avere una bellissima forma.




Ingredienti per la pasta:


Farcia:

  • 500 g di ricotta molto soda noi abbiamo quella dei  Morconi che in Campania è un'istituzione
  • Rucola q.b.
  • 100 g parmigiano
  • Pepe q.b.
  • Pinoli q.b.
  • 1 uovo intero
  • 2 cucchiai di olio Maria Colonna




mercoledì 16 febbraio 2011

Dark torta al cioccolato








AMMMERICANI!!! Con stè tazze e stì cup eeeeeee scrivete come mangiate!!! Tazze liquide tazze solidi secche, asciutte, britannico, no americano, sembra l’esame di fisica tecnica con tutte stè "unità di misura"!-se ne volete sapere di più qui spiega bene la quantità standardizzata per la misurazione in cucina americana e anglosassone. 
Torniamo a noi! :D questa è quella torta con la glassa al cioccolato che si vede in tutti i film americani che per me è stata sempre un sogno, "quando divento grande la faccio ai miei bimbi!"
E’ buonissima per chi come me ama il cioccolato.




Ingredienti :
250 g di burro
70 g cacao
280 g farina Molino Rossetto per dolci
½ cucchiaino di lievito per dolci
½ cucchiaino di bicarbonato
½ cucchiaino di sale
280 g di zucchero di canna chiaro frullato finissimo
2 uova grandi
2 tuorli
200 g cioccolato al 65%
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
30 g di yogurt bianco con 150 ml di latte


Preriscaldare il forno a 180°
Montare il burro con lo zucchero.
Incorporare ad una alla volta le uova e i tuorli, le uova devono essere a temperatura ambiente altrimenti la differenza di temperatura con il burro, farà cagliare il composto, che ritorna cremoso e compatto montandolo allungo.
Sciogliere il cioccolato e aggiungere lo yogurt e il latte e incorporarlo al composto, sempre montando.
Setacciare la farina, il cacao, e i lieviti e aggiungere al composto piano piano senza smontare il composto.
Dividere l’impasto in due teglie uguali della Guardini di 18 cm, foderate anche sui lati con carta forno.
Cuocere a 180 ° per circa 40 minuti
Lasciare riposare le torte per 15 minuti nello stampo per poi girare sottosopra su gratella

Ingredienti Ganache:

600 ml panna no vegetale (vi allappa la bocca)
100 g di zucchero a velo
500 g di cioccolato 76%
60 glucosio
In una pentola a fondo doppio aggiungere tutti gli ingredienti facendoli fondere, fuori dal fuoco, passare con il mix ad immersione e poi montare con la frusta
Travasare il prodotto in una ciotola e coprila a contatto con pellicola adatta.
Trascorse due ore montare nuovamente.





Assemblaggio dolce
Unire le due torte con la ganache e spatolare la superficie.

domenica 13 febbraio 2011

Ravioli ricotta e melanzane








Si capisce che fare la pasta mi piace????

Credo di si :D ! Sono più di 25 anni che faccio pasta in casa un grande amore!
Mi rilassa tanto...... è una cosa semplice e facile

Sapete quanto costa qui un 1kg di ravioli freschi passabili?
12 euro o_° so tanti!

Se li facciamo in casa usando prodotti buoni e freschi spendiamo max 6 euro, e mangiamo un piatto ottimo.
Sull’origine delle paste alimentari si conosce ben poco, proprio questa incertezza ha dato vita a svariate leggende.
Alcuni archeologi credono di scorgere sulle pitture murali etrusche i gesti e gli utensili di chi sta preparando della pasta fresca, tipo lasagne o tagliatelle.
In epoca immediatamente successiva, invece, questo prodotto viene completamente dimenticato, per poi fare la sua ricomparsa in Cina nel I secolo d. C.
La forma della pasta è sostanzialmente l’espressione delle fantasie locali, il sapore è nato da infinite creazioni casalinghe, dall’impegno di ogni giorno applicato a quanto la terra aveva e ha da offrire: le verdure dei mercati, il pesce fresco del porto, le carni nostrane, i formaggi tipici….

venerdì 11 febbraio 2011

Chiacchiere?.......Chiacchierata!










La pasta delle chiacchiere è proprio buona è un peccato non utilizzarla per altri preparazioni, credo che togliendo lo zucchero si presti anche a preparazioni salate....
Le chiacchiere semplici sono buone ma così non credo che abbiano paragone, il dolcetto poi con mio stupore si mantiene per ore senza che la pasta diventi molle o che la crema coli.




Per le chiacchiere
500 g di farina autolievitante
Buccia grattugiata di un limone
50 g di vino
100 g di burro (fidatevi sembra tanto ma non lo è!)
2 cucchiai di zucchero
3 uova intere
2 tuorli
1 cucchiaio di olio agrumato


Incorporare nel cestello nella nostra fidata mdp, prima le uova con lo zucchero vino poi la farina, e infine quando si sarà formato l’impasto, il burro.
Più l’impasto viene lavorato e manipolato, più sarà bollato.
Far riposare l’impasto ottenuto per 30 minuti
Con la macchina sfogliatrice Marcato ottenere tante losanghe, regolando la macchina, per ottenerle molto sottili.
Con il coppapasta a stantuffo della guardini ricavare tanti cuori e friggerli in olio bollente.

Per la ganache
400 g di panna da montare
3 tazzine di caffè zuccherato
200 g di cioccolato fondente al 75%

50 g di glucosio
Una manciata di fortunelli


Riscaldare 200 g di panna mettendo in infusione i fortunelli.
Tolti i fortunelli e sciogliere il glucosio e la cioccolata, unendo il caffè; riporre in frigo a freddare.
Montare la panna e aggiungervi il composto freddato.

Assemblaggio dolce
Alternare i cuori di chiacchiere con la ganache, terminando con del cioccolato fuso.
Per chi invece ama la tradizione qui il passo passo
Se avete il   PASTABIKE fate in un attimo è mooolto comodo





martedì 8 febbraio 2011

Una tazzina di caffè per San Valentino









Credo che sia un idea carina portare il caffè a letto! Se fatto con una tazzina particolare credo che lo sia ancora di più
Vi metto il mio video fra un po’






 Il mio video per la tazzina di caffè





Pasta choux

Ingredienti:

200 gr. di farina con amido Molino Rossetto ,

200 gr. di acqua,

80 gr. margarina,

un pizzico di lievito per dolci,

290 gr di uova intere pesate con guscio

Porre una pentola a fondo doppio su fiamma moderata, versare l’ acqua e il burro, setacciare la farina, e quando la margarina si sarà fusa ( acqua non deve bollire), incorporarla in una sola volta, con il mestolo di legno girare il composto, senza mai toglierlo dal fuoco, continuate per un minuto. Il composto così fatto, va versato nella planetaria con gancio a frusta, fare stemperare l'impasto. Quando il composto è tiepido, alzare la velocità della macchina e incorporare una alla volta le uova prima di incorporare l'ultima verificare la consistenza, vellutata morbida , deve essere tipo maionese leggermente un po’ più consistente, far continuare a lavorare la macchina per 5 minuti a velocità sostenuta, aggiungere il lievito.
Trasferire il composto in una sacca da pasticceria, e formare cerchia a spirale, formare anche il manico, è indispensabile una teglia come quella del video, nel mio caso è una teglia  Guardini 
 qui c'è la nuova versione smaltata che è ottima perchè non da troppo colore alla pasta bignè,  e in più ha i "cerchi!  piccoli che sono più gestibili :)

Infornare a 190° C per 20 minuti circa.
Una volta fredde farcire, prima con solo panna, e poi con il cremoso.




Cremoso al cioccolato caffè L. Monnori a modo mio.

Ingredienti:

300 g di panna, 300 g di cioccolato fuso al 55 %, 45 g di glucosio, 45 gr di burro, 2 gr di caffè solubile

In un tegame a fondo doppio, portare a bollore la panna con il glucosio, e il caffè, aggiungere a più riprese, il cioccolato fuso, amalgamare bene, e infine il burro, far intiepidire e conservare in frigo, per farlo bene addensare , ci vorranno un paio di ore.

sabato 5 febbraio 2011

Taralli di Telese




Questi sono i taralli che si fatto dalle mie parti, ricetta facile e veloce,  vi posso assicurare che piacciono tanto!!!



Ingredienti:


150 g di acqua tiepida,
50 g di vino bianco,
140 g di olio (70 g di evo, 70 g olio di semi),
1 cucchiaio abbondante di strutto,
12 g di lievito di birra,
2 cucchiaini di semi di finocchio macinati,
1/2 cucchiaino di pepe,
2 cucchiaini di sale,
500 g di farina 0 Molino Rossetto,
80 g di nocciole macinate non troppo fini.


Nella planetaria con gancio, immettere l'acqua tiepida,  il lievito di birra e gradualmente la farina setacciata.
Incorporare il vino, l'olio, i finocchi, il sale, il pepe e le nocciole; lavorare allungo, finchè la pasta è lucida e si stacca dalle pareti, infine aggiungere lo strutto.
Far lievitare fino al raddoppio, formale le treccine e decorare con una nocciola.
Infornale a 170° C fino a doratura.

venerdì 4 febbraio 2011

Tiramisù di Massari


Il tiramisù non è uno dei miei dolci preferiti, si sa il mio pallino sono i bignè!!!! Però quando una cara persona ti chiede la ricetta di un buon tiramisù, sono sicura che uno buono buono è questo! e in più le uova sono cotte!

La ricetta è di Massari pubblicata in vari blog e siti metto un po’ di link è bello vedere come ognuno di noi ha dato la sua interpretazione .......


Marialice

Pinella
Coquinaria












Ingredienti Tiramisù:

400 gr di panna montata
400 gr di mascarpone
300 gr di crema pasticcera*
savoiardi q.b.
4 g di colla di pesce

Procedimento:

Ammollare per 10 minuti in acqua fredda la colla di pesce.






Scaldare una piccola porzione di crema pasticcera e sciogliere la colla di pesce strizzata bene.
Unire al resto della crema pasticcera fredda.
Montare la panna non troppo ferma, come dice sempre Montersino sacrificare una piccola parte di panna per stemperare il mascarpone e la crema, infine unire delicatamente al resto della panna.
Bagnare i savoiardi, adagiarli  sul fondo di una coppa, e con una sacca fare dei ricci di crema, spolverare con cacao, e procedere a strati.


Ingredienti bagna:

200 gr di caffè espesso
50 gr di liquore
150 gr di zucchero

Procedimento:

Sciogliere lo zucchero nel caffè e una volta freddo aggiungere il liquore



*Crema pasticcera:


*Questa dose non è la quantità esatta per il tiramisù, quindi bisogna pesare 300 g di crema, non fate come me,  la prima volta  mi so scordata di pesarla HAHA





Ingredienti:

500 gr di latte intero fresco
150 gr di zucchero o 200 se preferite un tiramisù più dolce
30 gr di amido (o 50 g di farina con amido Molino Rossetto)
5 tuorli
1 bacca di vaniglia





Scaldare il latte con lo zucchero e un baccello di vaniglia, ma non troppo non bisogna "caramellare" lo zucchero.




Sbattere i tuorli con l’amido, e delicatamente girando unire il latte senza il baccello.

Rassodare  la crema, e stenderla immediatamente in una pirofila, coprendo a contatto, conservare in frigo.

mercoledì 2 febbraio 2011

Biscotto Sacher



Questo  dolcino l’ho estrapolato dalla Sacher Calabrese di Maurizio Santin che era stata elaborata e modificata da Pinella e postata da Marialice di Nessuno nasce imparato, ho utilizzato solo il biscotto sacher, e la ganache che girooooooo metto tutti i link



Biscotto Sacher

  • 150 gr di burro pomata
  • 60 gr di zucchero al velo
  • 250 gr di cioccolato fondente al 55%
  • 275 gr di tuorli d’uovo
  • 70 gr di farina per dolci Molino Rossetto
  • 4 gr di lievito chimico
  • 70 di farina di mandorle
  • 275 gr di albumi
  • 100 gr di zucchero semolato


Montare il burro con lo zucchero a velo.
Montare gli albumi con lo zucchero, ma non troppo ferma.
Far liquefare il cioccolato, unirlo all’impasto di burro e zucchero, aggiungere i tuorli,uno alla volta.
Unire gli albumi stemperando prima una piccola parte per non far smontare il tutto.
Unire le farine e con il gancio a k o con spatola amalgamare bene.
Versare l’impasto in una teglia guardini in uno strato di pochi cm e infornare a 175°C fino a che la torta e’ elastica al tatto, circa 16-18 minuti.


Bagna allo Strega
  1. 100 g di acqua
  2. 100 g di zucchero
  3. 40 g di liquore strega

Procedimento:

Preparate uno sciroppo portando all'ebollizione l'acqua con lo zucchero e facendo bollire per 3-4 minuti, unire lo Strega e continuare la cottura per un paio di minuti, facendo sfumare l’alcool.
Chiudere ermeticamente fino a quando il prodotto sarà tiepido.




Ganache spumosa al peperoncino

175 gr di panna
175 gr di cioccolato al 70-75%
130 gr di panna montata
Peperoncino secco qb

Scaldare la panna con un po’ di peperoncino sbriciolato e lasciare in infusione per alcuni minuti.
Filtrarla e versarla sul cioccolato ben tritato mescolando come se dovessimo fare una sorta di maionese.
Quando la salsa ha raggiunto circa 40°C aggiungere la panna montata, sempre mai a montatura troppo ferma
La quantità del peperoncino è da stabilirsi al gusto.

Procedimento

Coppare il biscotto, bagnarlo con bagna allo strega, procedere con uno strato di marmellata all’albicocca e concludere con la ganache.
Si può comporre in vari modi, questo biscotto è fantastico.


Vi metto il mio video per fare le decorazioni, non c'è voce quella mi è mancata sempre, è si sono una gran vigliacca :D!!!








con cioccolato bianco






martedì 1 febbraio 2011

Per San Valentino torta al cioccolato Hermè






Incuriosita attratta da questa goduriosa ricetta di Pinella, ma determinata a sperimentare alcuni ingredienti e usarne altri che amo è nato questo cuoricino.
Il risultato del biscotto mi ha stupito, tanto che avrei desiderato mangiarlo, senza una farcia, o un "vestito" è di una morbidezza unica, paragonabile a una caprese, molto umida, ma più delicata, dire chè è buona è riduttivo..........






Ingredienti:


3 uova
100g di zucchero semolato fine
50 g di isomalto
120 burro
120 g di farina
100 ml latte
50 g di cioccolato
20 di cacao
scorza di arancia gratugiata
1 cucchiaino di caffè solubile



Biscotto:

Montare per venti minuti, le uova con lo zucchero e l'isomalto.
Riscaldare il latte, aggiungere e mescolare bene, il caffè solubile.
Incorporare il burro e la cioccolata, facendola fondere, nel latte.
Quando le uova saranno montate, aggiungere il latte (dove si è lasciato in infusione la buccia intera di un arancio, prima di aggiungere il caffè, andrà tolta) con la cioccolata e il burro fuso, continuando a montare.
Sostituendo la frusta, con la frusta a foglia, incorporare la farina setacciata con il cacao, e la buccia grattugiata di un arancio.
Infornare in stampo  guardini  da 22 cm  a 170 per circa 30 minuti 






Ganache

Ingredienti:
200g di panna
250 cioccolato fondente 60 %
40 burro
cherry un bicchierino

Fondere il cioccolato e il burro nella panna, mettere il prodotto nella ciotola della planetaria e aggiungere lo cherry, riporla in congelatore per 30 minuti, poi montare per 10 minuto con la frusta a fili.



Tagliare la torta a metà, e farcire.

Si può coppare con i guardini e decorare con il caramello e un Fortunello o mangiarla a fette abbondanti

Castagnole di Luca Montersino




Queste qui le ho fatte l’anno scorso dalla ricetta di Montersino, ve le consiglio non ci sono parole per descrivere la loro bontà, le castagnole non mi sono mai piaciute perché o erano troppo molli all’interno o al contrario risultavano gommose invece queste sono l’estasi HAHAHA









Ingredienti:

45 g burro

30 g di zucchero

300 g acqua (pesate l’acqua non usate il dosatore per i liquidi in questo caso)

320 g di farina per dolci Molino Rossetto [di cui 210 da usare subito e 110 da incorporare dopo le uova (se l’impasto e troppo molle aggiungere altre farina finche il composto è abbastanza sostenuto, cioè non cola troppo)]

270 g di uova (pesate non non sgusciate)

15 g di rum (ho messo della strega)

3 g di buccia di limone e di arancia (io ho messo la buccia grattugiata di un limone)

0,75 g di bicarbonato (io ho messo un mezzo cucchiaino raso di cremor tartar)

30 g di scorza di scorza candita a cubetti di un arancio (omessa)

60 g di uvetta (omessa)





Sul fuoco in una casseruola a fondo doppio, fondere nell’acqua, lo zucchero, il burro; in una sola volta incorporare i 210 g di farina, mescolare finchè non si stacca dalle pareti l’impasto.
Travasare l’impasto ottenuto, in una planetaria, e incorporare, gradualmente le uova, e infine la farina e il resto degli ingredienti. 







Friggere in olio bollente le palline, (e qui una sorta di piccola magia, le palline si gonfiano piano piano e si girano da sole ) dosando la pasta con una tasca da pasticcere, senza beccuccio, e con la forbice per troncare la pasta. 




Scolare bene su carta assorbente, e poi ripassare in zucchero semolato.
Farcire con NUTELLA!!!!!
 

Pasticci e Capricci Template by Ipietoon Cute Blog Design and Homestay Bukit Gambang

Blogger Templates